Festival della neve di Sapporo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sapporo (Hokkaidō, Giappone): il Ōdōri durante un festival della neve
Sapporo: immagine in notturna durante lo svolgimento del Festival della neve
Altra immagine in notturna durante lo svolgimento del Festival della neve di Sapporo
La Marina statunitense al Festival della neve di Sapporo
Fotografia davanti ad una scultura raffigurante un marinaio
La mascotte della 58ª edizione (2007)

Il Festival della neve di Sapporo (in giapponese: 札幌雪祭り, Sapporo Yuki-matsuri; denominazione internazionale in inglese: Sapporo Snow Festival) è una celebre rassegna dedicata alle sculture di neve o di ghiaccio, che dal 1950 si svolge ogni anno - solitamente agli inizi di febbraio e per la durata di 6-7 giorni - nella città giapponese di Sapporo (penisola di Hokkaidō, nel nord del Paese), in particolar modo nel Parco Ōdōri, nel quartieri di Susukino e nel Sapporo Community Dome o Tsudomu.

Si tratta di uno dei principali eventi della stagione invernale in Giappone[1][2]: la manifestazione attira ca. 2 milioni di turisti.[3][4]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La manifestazione si caratterizza per delle sculture in neve o di ghiaccio possono dalle notevoli dimensioni (tra i 15 e i 25 mt. di altezza), le quali possono rappresentare sia soggetti di pura fantasia, che temi di attualità o riproduzioni di monumenti.[5][6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia del "Festival della neve di Sapporo" inizia nel 1950, quando, il 18 febbraio, un gruppo di sei studenti costruì altrettante sculture in neve in un parco della città, l'Ōdōri.[3][6][7][8]
L'iniziativa, a cui venne dato ampio risalto nei mass media locali, fu accolta con notevole entusiasmo dalla popolazione, anche perché rappresentò - in un certo qual modo - un'occasione per "risollevarsi dalla" "depressione" post-bellica, che a soli 5 anni dal termine del secondo conflitto mondiale, stava ancora attanagliando il Giappone[3][7].

Fu però soltanto nel 1955, grazie al coinvolgimento delle Forze Armate giapponesi, in particolar modo dei soldati della base di Makomanai, che si iniziarono a vedere le sculture per cui la manifestazione è famosa.[3][4][6]

Un'altra tappa importante è rappresentata dall'anno 1972, quando il Festival venne a coincidere con la disputa a Sapporo dell'XI edizione dei Giochi Olimpici Invernali, guadagnando così l'attenzione del mondo intero.[3][6]

A partire dal 2006, il coinvolgimento delle Forze Armate nell'organizzazione dell'evento è stato ridotto drasticamente.[6]

Location[modifica | modifica wikitesto]

Parco Ōdōri[modifica | modifica wikitesto]

"Centro" principale del festival è un parco cittadino, il Parco Ōdōri (大通公園, Ōdōrikōen), ovvero il luogo dove tutto ebbe inizio, dove lungo i suoi 1,5 km di lunghezza si possono ammirare le sculture di neve e di ghiaccio più imponenti.[8]

Susukino[modifica | modifica wikitesto]

Centinaia di sculture si possono osservare anche a Susukino, principale centro per i divertimenti della città.[8]

Sapporo Community Dome[modifica | modifica wikitesto]

Il Sapporo Community Dome (札幌コミュニティドーム), un palaghiaccio di 17,865 m², chiamato familiarmente "Tsudomu" (つどーむ), è dedicato invece ai divertimenti per bambini ed adulti.[8] Altre sculture, anche se di dimensioni ridotte, si possono ammirare anche qui.[8]

Date delle varie edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizione
Nr.
Anno Data
inizio
Data
fine
1 1950 18/02 18/02
2 1951 26/01 27/01
3 1952 09/02 10/02
4 1953 07/02 08/02
5 1954 28/01 31/01
6 1955 27/02 28/02
7 1956 04/02 05/02
8 1957 02/02 03/02
9 1958 07/02 09/02
10 1959 06/02 08/02
11 1960 05/02 07/02
12 1961 03/02 05/02
13 1962 02/02 04/02
14 1963 01/02 03/02
15 1964 31/01 02/02
16 1965 05/02 07/02
17 1966 03/02 06/02
18 1967 02/02 05/02
19 1968 01/02 04/02
20 1969 30/01 02/02
21 1970 29/01 01/02
22 1971 28/01 31/01
23 1972 27/01 30/01
24 1973 01/02 05/02
25 1974 01/02 05/02
26 1975 01/02 05/02
27 1976 01/02 05/02
28 1977 01/02 06/02
29 1978 01/02 05/02
30 1979 01/02 05/02
31 1980 01/02 05/02
32 1981 04/02 08/02
33 1982 03/02 07/02
34 1983 02/02 06/02
35 1984 01/02 05/02
36 1985 07/02 11/02
37 1986 05/02 09/02
38 1987 05/02 11/02
39 1988 05/02 11/02
40 1989 06/02 12/02
41 1990 06/02 12/02
42 1991 05/02 11/02
43 1992 05/02 11/02
44 1993 05/02 11/02
45 1994 05/02 11/02
46 1995 06/02 12/02
47 1996 06/02 12/02
48 1997 05/02 11/02
49 1998 05/02 11/02
50 1999 05/02 11/02
51 2000 07/02 11/02
52 2001 06/02 12/02
53 2002 05/02 11/02
54 2003 05/02 11/02
55 2004 05/02 11/02
56 2005 07/02 13/02
57 2006 06/02 12/02
58 2007 06/02 12/02
59 2008 05/02 11/02
60 2009 05/02 11/02
61 2010 05/02 11/02
62 2011 07/02 13/02
63 2012 06/02 12/02
64 2013 05/02 11/02
65 2014 05/02 11/02

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Travelblog: Giappone. Statue di neve e di ghiaccio al Sapporo Snow Festival
  2. ^ GiapponeGiappone: Il festival di Sapporo
  3. ^ a b c d e Yamasa.org: Sapporo Snow Festival
  4. ^ a b Meteomatera: Il clima del Giappone: Sapporo e il Festival della neve
  5. ^ minube: Festival della neve a Sapporo
  6. ^ a b c d e Sapporo Snow Festival - History
  7. ^ a b Viaggiomania: Il Festival della neve di Sapporo
  8. ^ a b c d e Japan Guide: Sapporo Snow Festival

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]