Ferrovia a cremagliera di Budapest

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrovia a cremagliera di Budapest
Stati attraversati Ungheria
Lunghezza 3,7 km
Apertura 1873
Scartamento 1.435 mm
Elettrificazione 1.500 volt, corrente continua
Ferrovie

La Ferrovia a cremagliera di Budapest (in ungherese Budapesti Fogaskerekű Vasút) è una ferrovia a cremagliera urbana della città di Budapest, in Ungheria.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La ferrovia nel 1890

Dal 1868 sul percorso tra Lánchíd a Zugliget era entrata in funzione una ippotranvia della Budai Közúti Vaspálya Társaság (la società dei trasporti pubblici di Buda). L'interesse destato dalla costruzione in Svizzera della prima linea a cremagliera d'Europa, la Vitznau-Rigi, aperta nel 1871 e progettata da Niklaus Riggenbach spinse le autorità interessate a dargli l'incarico di studiarne l'attuazione anche in Budapest, adottando lo scartamento normale, con una lunghezza complessiva del percorso di 2.883 m per superare un dislivello di 264 m. La costruzione ebbe inizio nell'estate del 1873 e fu terminata l'anno successivo. L'inaugurazione avvenne il 24 giugno 1874 con capolinea attestato a Városmajor.

Il successo riscontrato fece maturare la decisione di prolungare a 3.700 m la linea nel 1890 con partenza dal monte Széchenyi . Nell'estate del 1929, con l'elettrificazione, la frequenza delle corse venne aumentata con partenze ogni 15 minuti. Nel 1973 la ferrovia venne ricostruita con immissione di nuovi rotabili dal 20 agosto dello stesso anno. Oggi vi sono progetti di un ulteriore prolungamento.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Stazioni e fermate
BSicon uDST.svg Kocsiszín
BSicon BHF.svg Városmajor(interscambio con linee urbane 59, 61)
BSicon HST.svg Szent János kórház
BSicon BHF.svg Orgonás
BSicon HST.svg Esze Tamás iskola
BSicon BHF.svg Erdei iskola
BSicon BHF.svg Gyöngyvirág út
BSicon HST.svg Városkút
BSicon BHF.svg Svábhegy
BSicon HST.svg Művész út
BSicon KBHFe.svg Széchenyi-hegy
Il sistema ruota dentata/cremagliera Riggenbach esposto al pubblico
La ferrovia nel 2006

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti