Evento (fisica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In fisica, e in particolare nello studio della relatività, un evento indicata un fenomeno fisico, localizzato in uno specifico punto dello spazio quadrimensionale.

Esempi nel mondo macroscopico[modifica | modifica sorgente]

Per esempio, nell'esperienza sperimentabile da chiunque di prima mano:

  1. un bicchiere che cade a terra e si rompe in un determinato momento è un evento;
  2. un'eclisse osservabile ad occhio nudo è un evento.

accadono in un unico posto in un determinato momento, in uno specifico sistema di riferimento.[1]
In senso stretto, la nozione di un evento è una idealizzazione astratta, nel senso che specifica un attimo definito ed un posto nello spazio, mentre la nozione comune di evento sembra avere un'estensione finita sia nel tempo che nello spazio.[2]
Uno degli obiettivi della relatività è di specificare la possibilità di come gli eventi si influenzino a vicenda. Questo è effettuato utilizzando un tensore metrico, che permette di determinare la struttura causale dello spaziotempo.
La differenza (o l'intervallo) tra due eventi può essere classificato come separazione di tipo spazio, di tipo tempo o di tipo luce.
Per la meccanica relativistica sembra che solo se due eventi sono separati da intervalli spazio-temporali di tipo luce o tempo questi si possano influenzare l'un altro.
In seguito allo sviluppo della meccanica quantistica questo presupposto è entrato in crisi ponendo le basi per una Teoria unificata del Tutto (o "Theory of Everything" in lingua inglese).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A.P. French (1968), Special Relativity, MIT Introductory Physics Series, CRC Press, ISBN 0748764224, p 86
  2. ^ Leo Sartori (1996), Understanding Relativity: a simplified approach to Einstein's theories, University of California Press, ISBN 0520200292, p 9