Esacromia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Esacromia (greco Εσακρόμια, da Εσα=sei e κρομος=colore, quindi "sei colori") è l'insieme dei 4 colori ciano, magenta, giallo e nero (che passano sotto il nome di quadricromia) più l'arancione e il verde (modello CMYKOG, dall'inglese Cyan, Magenta, Yellow, Kino) oppure il ciano chiaro e il magenta chiaro (modello CcMmYK). È una base dello spazio dei colori utilizzata nella stampa, che permette di definire meglio i colori.

Il modello CMYKOG espande il gamut dei dispositivi, rispetto alla quadricromia. Il CcMmYK migliora invece le sfumature, specialmente nelle aree a bassa saturazione, ma senza espandere il gamut.

Alcune stampanti a getto di inchiostro moderne utilizzano l'esacromia per avvicinarsi alla qualità fotografica.

Esiste oggi un sistema esacromatico, sviluppato con i tradizionali CMYKOG, sviluppato da innovalabsTM, divisione R&S di studiolilo, specializzato on DTP, denominato SIX, dove tutti e sei i colori si differenziano sia dalla tradizionale quadricromia che dall'orange e dal green;

questo consente la riproduzione di un gamut decisamente più esteso, raggiungendo una fedeltà cromatica al colore "video" pari al 95%.

Ciò consente di riprodurre in stampa tradizionale, sia litografica off-set che rotocalcografica o flexografica, riducendo sia il numero di pigmenti di stampa, che di tempi di elaborazione dei files:

un "droplet" consente di convertire le immagini elaborate in RGB in SIX, riproducendo in automatico colori "estesi" con sei colori.

Questo consente di riprodurre colori PantoneTM fedelmente.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]