Eoarcheano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella Scala dei tempi geologici, l'Eoarcheano o EA è l'era che va da 4.000 a 3.600 Milioni di anni fa.[1][2] La Commissione Internazionale di Stratigrafia non ne riconosce un inizio formale e non assegna pertanto un GSSP, cioè uno strato geologico di riferimento. L'Eoarcheano viene considerato come la prima era dell'eone Archeano e la prima partizione dell'eone Precambriano. L'era Eoarcheana è preceduta dall'eone Adeano, classificato ancora in modo informale, e che va da 4.600 a 4.000 milioni di anni fa.[1] In cronostratigrafia, questa zona è classificata come un eratema.

L'era successiva dell'Archeano è denominata Paleoarcheano.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Questo nome trae origine dal Greco: eos (alba) and arkhé (origine).

Contenuto fossilifero[modifica | modifica sorgente]

Durante questa era, si ritiene abbiano avuto origine i primi organismi monocellulari privi di nucleo distinto, cioè procarioti (le più semplici cellule viventi, in cui il Dna è libero all'interno del corpo cellulare, e mancano ancora diversi organelli cellulari). Probabilmente alcuni giacimenti carboniferi ritrovati in Groenlandia, datati 3,8 miliardi di anni fa, sono di origine organica.

Scoperte recenti[modifica | modifica sorgente]

Ricercatori del museo geologico dell'Università di Copenaghen diretti dal Dott. Minik Rosing sostengono che fu l'apparizione di organismi fotosintetici ad attivare il processo che ha portato alla formazione di rocce granitiche costituenti la crosta terrestre. Esistono prove dell'esistenza di organismi che sfruttavano la fotosintesi almeno 3,8 miliardi di anni fa, e fanno notare che essi erano in grado di convertire l'energia solare in energia chimica fornendo alla superficie terrestre tre volte l'energia proveniente dai processi geochimici.

La conseguenza di tale scoperta è che sia stata la vita a modificare i processi geochimici terrestri portando alla formazione degli oceani e dei continenti quali li conosciamo noi oggi. Tale ricerca è stata pubblicata sulla rivista "Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology".

Schema[modifica | modifica sorgente]

Precambriano  
eone Adeano eone Archeano eone Proterozoico eone Fanerozoico
eone Archeano
era Eoarcheana era Paleoarcheana era Mesoarcheana era Neoarcheana

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Chronostratigraphic chart 2014, ICS. URL consultato l'11 agosto 2014.
  2. ^ Global Boundary Stratotype Section and Point (GSSP) of the International Commission of Stratigraphy, Status on 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]