Energia chimica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'energia chimica è un'energia che varia a causa della formazione o rottura di legami chimici di qualsiasi tipo negli elementi chimici coinvolti nelle reazioni chimiche.

Siccome la forza dei legami chimici è associata alla distanza tra le specie chimiche (infatti legami chimici più forti tengono più vicine le specie chimiche coinvolte nel legame), l'energia chimica dipende dalla posizione reciproca delle particelle che costituiscono una sostanza.

Essa è quindi l'energia immagazzinata nei legami chimici ed è sostanzialmente riconducibile alla somma dell'energia potenziale delle interazioni elettrostatiche delle cariche presenti nella materia ponderabile, più l'energia cinetica degli elettroni.

Se si considera come "livello zero" di energia chimica quello in cui non sussistono legami chimici, l'energia chimica risulta negativa. Legami diversi possiedono diversa energia di legame, quelli più stabili possiedono valore più negativo.

La risonanza è un fenomeno chimico-strutturale che influenza notevolmente l'energia chimica in senso stabilizzante. La reattività e la cinetica dei diversi composti risentono delle differenze di energia chimica.

L'energia chimica è prodotta nel corso delle trasformazioni che avvengono a livello molecolare.

L'energia chimica introdotta nel nostro corpo con il cibo, per esempio, ci permette di vivere attraverso l'ossidazione e in generale il metabolismo cellulare (respirazione cellulare).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]