Encefalite californiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

L’ encefalite californiana è un'infezione virale che provoca quasi il 20% delle meningiti acute dell’infanzia, con una relativa mortalità molto bassa.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

La causa è da riscontrarsi nel virus Bunyaviridae californiane, uno dei cinque virus della famiglia Bunyaviridae. Quasi sempre la sottospecie è quella LaCrosse dove in estate e nelle zone centro-settentrionali è più diffuso. L'epidemologia avviene tramite la zanzara denominata Aedes triseriatus. Lo stadio evolutivo dell'encefalite inizia con uno stato febbrile.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Prodomi virali aspecifici, in seguito meningismo per alcuni giorni con spontanea guarigione, i casi gravi sono molto rari. Sintomi minori sono convulsioni, modificazione del comportamento.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006. ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione), New York - Milano, McGraw-Hill, 2006. ISBN 88-386-2459-3.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina