Eleonora de Moura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eleonora de Moura y Corterreal y Moncada de Aragón, duchessa di Nocera, marchesa di Castel Rodrigo (1642 ? – Madrid, 1 gennaio 1707), fu duchessa di Nocera de' Pagani e marchesa di Castel Rodrigo.

Figlia di Francisco de Moura y Cortereal, duca di Nocera e marchese di Castel Rodrigo, Leonor de Moura y Moncada de Aragón fu la seconda duchessa di Nocera (relativamente alla casata dei Castel Rodrigo, ottava in totale), quarta marchesa di Castel Rodrigo, terza contessa de Lumiares.

Ebbe due matrimoni. Si sposò prima con Anielo de Guzmán y Carafa, figlio di Ramiro Núñez de Guzmán, secondo duca di Medina de las Torres, secondo marchese di Toral, conte di Arzarcóllar; e di Ana Carafa, terza duchessa di Mondragone. Da queste prime nozze non ebbe figli. Il marito morì nel 1677 ed ereditò da lui la carica di vicerè di Sicilia. Nel 1679 si risposò con Carlos Homodei y Lasso de la Vega, secondo marchese di Valdesaz de los Oteros. Da questo matrimonio il 24 febbraio del 1680 nacque un figlio. I nocerini si prodigarono sia nel lutto per la vedovanza della loro duchessa, sia nel giubilo per il suo secondo matrimonio che per la nascita del suo primo figlio. Nonostante avesse soggiornato a Napoli per un anno, mai la duchessa venne a far visita alla sua città.

Morì a Madrid il primo gennaio 1707. Non avendo avuto figli dal primo marito e mortole giovane il figlio avuto dal secondo, non lasciò eredi maschi e la città di Nocera andò alla sorella Giovanna de Moura.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Camilleri - La rivoluzione della luna, 1ª edizione dal sito Sellerio editore

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gennaro Orlando, Storia di Nocera de' Pagani, Napoli, 1888
Predecessore Viceré di Sicilia Successore Aragon-Sicily Arms.svg
Aniello Guzman, marchese di Castel Roderigo 1677 - 1677 Luis Manuel Fernandez Portocarrero
Predecessore Duchi di Nocera Successore Nocera de' Pagani-Stemma-Chiesa del Corpo di Cristo.jpg
Francisco de Moura 16941707 Giovanna de Moura