Dunum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il comune tedesco, vedi Dunum (Germania).

Il dunum in arabo: ﺩﻭﻧﻢ, dūnum è una unità di misura terriera adottata a partire dall'età ottomana fino ai nostri giorni in vari paesi un tempo sotto il dominio ottomano (fra cui Marocco, Qatar, Giordania, Tunisia, Israele ed Egitto) per calcolare le superfici terriere. Linguisticamente appare come un calco della stremma bizantina, che misurava un lotto di 40 passi (la corda con cui veniva misurato è richiamata anche dal nome che letteralmente significa "torcere")[1].

Il dunum ha preso dalla stremma anche la misura. Equivaleva inizialmente a 919,3 m² (per poi essere portato a 1.000 m²) ma in Iraq il dunum equivale a 2.500 m².[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le province: i feudi in L'impero ottomano: 1300-1650. URL consultato il 20 dicembre 2011.
  2. ^ Renato Traini, Vocabolario Arabo-Italiano, Roma, Istituto per l'Oriente, 1993, s.v. «دونم», p. 389a.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. Hochheim, "Kafi fī 'l-ḥisāb" des Abu Bekr al-Karchi", in Programm d. höh. Gewerbeschule Magdeburg, 1878-1880.
metrologia Portale Metrologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metrologia