Du er ikke alene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Du er ikke alene
Du er ikke alene.png
Kim e Bo in una scena del film
Titolo originale Du er ikke alene
Paese di produzione Danimarca
Anno 1978
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere sentimentale
Regia Ernst Johansen
Lasse Nielsen
Soggetto Lasse Nielsen
Bent Petersen
Produttore Steen Herdel
Fotografia Henrik Herbert
Musiche Sebastian
Interpreti e personaggi

Du er ikke alene (Tu non sei solo) (1978) è un film danese scritto da Lasse Nielsen e Bent Petersen, e diretto dallo stesso Nielsen assieme a Ernst Johansen. Il film è prodotto da Steen Herdel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La vicenda è ambientata in una scuola privata danese a forte impronta religiosa e con annesso convitto maschile, ove il preside sta raccogliendo i fondi per costruire la nuova palestra. Gli insegnamenti si basano su solidi principi cristiani, a partire dalle preghiere mattutine per gli ospiti del convitto, fino ad arrivare ai riferimenti per una buona morale durante le lezioni.

Il quindicenne protagonista, Bo (Anders Agensø), si sente attratto dall'undicenne Kim (Peter Bjerg), il giovane figlio del preside che abita nella casa paterna a fianco dell'istituto; sviluppa così molto presto un rapporto del tutto speciale col bambinetto. La storia si sviluppa seguendo l'evoluzione nei rapporti degli studenti a partire dall'espulsione di un compagno più grande per aver tappezzato il bagno del convitto di immagini pornografiche di donne nude tratte da Playboy. In parallelo, come saggio di fine anno, gli studenti hanno il compito di presentare un componimento sul comandamento biblico "ama il tuo prossimo".

Ma, a causa della proposta del preside di cacciare il compagno indisciplinato e che trova l'adesione di una buona parte del corpo docente, alcuni decidono di protestare non recandosi più alle lezioni e nel contempo iniziando a girare un video-documentario amatoriale sul fatto considerato ai loro occhi come ingiusto e coercitivo. Attraverso tutti questi avvenimenti Kim e Bo si trovano sempre più legati e la naturalezza di questo legame è scontata anche per gli altri compagni di classe: fanno la doccia assieme (imparando così che "il sesso è una cosa meravigliosa"), si recano nella capanna segreta costruita da Bo in mezzo alla boscaglia, la notte Kim sgattaiola fuori dalla sua stanza per andar a dormire con Bo nello stesso letto e poter in tal modo rimanere strettamente abbracciato a lui, il tutto mostrato in un modo del tutto naturale ed innocente.

Dopo esser accorso assieme a tutti gli altri in difesa proprio di Bo aggredito e malmenato da un gruppo di teppistelli in motocicletta, il giovane minacciato di espulsione viene riammesso alle lezioni all'unanimità, per la gioia e soddisfazione di tutti. Vi sono poi episodi riguardanti una lezione sulla droga e gli effetti di dipendenza a cui può indurre l'hashish, la relazione sessuale tra una delle giovani donne addette alla caffetteria interna della scuola e uno degli allievi poco più che adolescente, una festicciola a base di vino in mezzo al bosco a cui partecipano i ragazzi, le nuotate nel laghetto in compagnia ed infine l'incontro erotico che avviene tra due compagni maschi di Bo nei bagni.

Durante la cerimonia finale dei diplomi, alla presenza degli insegnanti e di tutti i genitori, viene proiettato il cortometraggio prodotto dai ragazzi e intitolato "Ama il prossimo tuo come te stesso", in cui si vedono Kim e Bo che si avvicinano, si abbracciano e si baciano.

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola rimane alquanto controversa, soprattutto negli Stati Uniti, non solo trattando il tema di una storia d'amore omosessuale tra adolescenti, ma anche a causa della scena che mostra i due giovani attori, Anders Agensø e Peter Bjerg (rispettivamente di 16 e 12 anni all'epoca delle riprese) fare il bagno completamente nudi insieme.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]