Dioon edule

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dioon edule
Dioon edule05.jpg
Dioon edule
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Cycadophyta
Classe Cycadopsida
Ordine Cycadales
Famiglia Zamiaceae
Genere Dioon
Specie D. edule
Nomenclatura binomiale
Dioon edule
Lindl., 1843
Sinonimi

Dioon aculeatum
Dioon imbricatum
Dioon strobilosum
Dioon strobilaceum
Macrozamia littoralis
Macrozamia pectinata
Platyzamia rigida
Zamia maeleni

Dioon edule Lindl., 1843 è una cicade della famiglia delle Zamiaceae, nativa del Messico, ove è conosciuta come palma de la Virgen.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Squama ovulifera con semi


Il nome del genere (dal greco διωον=doppio uovo) fa riferimento alla coppia di ovuli di cui sono dotate le squame ovulifere, mentre l'epiteto edule si riferisce alla abitudine, diffusa tra le popolazioni messicane, di mangiarne i semi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Foglie e cono femminile
Foglie e cono maschile

È una cicade di media taglia, a crescita molto lenta.
Il fusto può raggiungere altezze di 3 m, 25–30 cm di diametro.
Le foglie lunghe 1.0-1.8 m, pennate, di colore verde brillante, sono disposte a corona sulla sommità del fusto. Ogni foglia è composta da 70-150 foglioline lanceolate, lunghe 5–10 cm, che si inseriscono a 90° sul rachide centrale; quelle basali, in prossimità del picciolo, si trasformano in spine.
È una specie dioica. Il cono femminile ha l'aspetto di una grossa pigna, composta da squame ovulifere portanti di solito due grossi semi, di colore giallo e di aspetto e consistenza simile a un grano di mais. I coni maschili sono fusiformi, lunghi 15–40 cm.

Si suppone che il Dioon edule sia una delle piante responsabili del locoismo.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è nativa delle foreste della Sierra Madre Orientale messicana.[1]

Cresce ottimalmente in terreni soleggiati e ben drenati, nelle aree sub-tropicali o temperate, ad altitudini comprese tra il livello del mare e i 1500 m.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La sottospecie Dioon edule subsp. angustifolium, circoscritta alla Sierra madre settentrionale, è oggi considerata una specie a sé stante (Dioon angustifolium).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Chemnick J. & Gregory T. 2010, Dioon edule in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Il locoismo, Samorini.it. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  3. ^ Haynes, J.L. 2011. World List of Cycads: A Historical Review. IUCN/SSC Cycad Specialist Group.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica