De rebus bellicis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
De rebus bellicis
Altri titoli Le cose della guerra
Autore anonimo proprietario terriero (possessor) romano o soldato
1ª ed. originale IV secolo, 337-377 d.C. circa
1ª ed. italiana 1989
Genere trattato
Sottogenere tecnica militare, politica monetaria, critica politica
Lingua originale latino
Ambientazione Impero Romano del IV secolo d.C.
Nave con propulsione a pale mosse da buoi in una copia quattrocentesca del De Rebus Bellicis

De rebus rellicis (Le cose della guerra) è un trattato di uno scrittore romano anonimo del IV secolo riguardante le macchine da guerra usate dall'esercito romano del tempo.

In esso l'autore, probabilmente un possidente ritiratosi a vita privata dopo avere svolto significative esperienze nell'amministrazione civile, oppure un ex soldato, tratta anche della crisi economica e demografica dell'Impero, della disonestà dei governatori e amministratori, della contraffazione della moneta aurea e della necessità di una riforma della ferma militare.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]