David Hammons

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Hammons (Springfield, 1943) è un artista, scultore e performer statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

David Hammons, African American Flag, The Studio Museum in Harlem, New York.

Nato nel 1943 a Springfield (Illinois), è un artista afro-americano che vive e lavora ad Harlem, New York. Ha compiuto i suoi studi a Los Angeles al Chouinard Art Institute e all' Otis Art Institute prima di stabilirsi a New York nel 1974.

Poetica[modifica | modifica wikitesto]

Le opere e le azioni di Hammons contengono sempre una forte ironia e anche sarcasmo, che, a seconda del caso , danno un'aria aggressiva al suo lavoro.[1] È conosciuto soprattutto per i lavori realizzati nella città di New York, dagli inizi degli anni '70. Dopo i suoi 'Body Prints', si dedicò alla creazione di sculture costruite con materiale di recupero, come capelli afro, sterco di elefante, ossa di pollo, preferendo sempre patterns colorati. Da qui si nota come l'artista sia molto interessato a integrare le tradizioni africane nel suo lavoro. Nel Luglio 1991 ha ricevuto il MacArthur Fellowship, anche conosciuto come "genius grant" . Ha partecipato a manifestazioni artistiche di livello internazionale tra cui Documenta nel 1992, la Biennale di Venezia nel 2003 e Skulptur Projekte nel 2007. L'opera African American Flag è parte della collezione permanente del MoMA, Museo di Arte Contemporanea di New York.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Disegni e dipinti[modifica | modifica wikitesto]

  • 'Money Tree (for Parkett no. 31)', 1992.
  • 'Free Nelson Mandela' ,1987.

Sculture[modifica | modifica wikitesto]

  • 'Untitled (Rock Head)'. 2005.
  • 'The Holy Bible: Old Testament', 2002.
  • 'Out of Bounds', (1995-96).
  • 'African American Flag', 1990, New York.
  • 'High Falutin', 1990.
  • 'Higher Goals', 1986, Cadman Plaza, Brooklyn, NY.
  • 'Spade with Chains', 1973.

Performance[modifica | modifica wikitesto]

  • 'Bliz-aard Ball Sale', 1983, Cooper Square, New York.

La performance vedeva Hammons in piedi tra i venditori, in mezzo alla strada, che si offriva di vendere palle di neve di ogni grandezza in saldo.

  • 'Pissed Off' del 1981, è un lavoro che coinvolge l'artista nell'atto di urinare contro una scultura di Richard Serra.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ traduzione dal sito ufficiale http://www.skulptur-projekte.de/kuenstler/hammons/
  2. ^ Morgan Falconer dal Grove Art Online fonte http://www.moma.org/collection/details.php?artist_id=2486

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Hammons: Rousing the Rubble (exh. cat., essays K. Jones and T. Finkelpearl, Long Island City, NY, P.S.1; Philadelphia, U. PA, ICA; San Diego, CA, Mus. Contemp. A., 1990–91)
  • C. Reid. ‘Kinky Black Hair and Barbecue Bones: Street Life, Social History and David Hammons’, Arts Magazine [prev. pubd as Arts [New York]; A. Dig.], lxv (April 1991), pp. 59–63 (fonte ricavata da http://www.moma.org/collection/details.php?artist_id=2486&section_id=bibliography)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 96535028 LCCN: n91112683