Curva spaziotemporale chiusa di tipo tempo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In fisica teorica, una curva spaziotemporale chiusa di tipo tempo (in inglese Closed Timelike Curves, CTC) è una linea di universo chiusa, che implica quindi che l'oggetto che essa rappresenta, continuando a viaggiare nel futuro torna, sia nello spazio che nel tempo, al punto da cui è cominciata la linea di universo stessa (viaggiando, quindi, a ritroso nel tempo).

Esistono metriche, soluzioni delle equazioni di Einstein della relatività generale, che permettono la presenza di tali linee. La scoperta di queste soluzioni è dovuta a Kurt Gödel nel 1949 [1]. Dopo aver letto i risultati dell'amico matematico, Einstein confessò che il problema di uno spazio-tempo che permettesse curve temporali chiuse lo aveva preoccupato già all'epoca in cui stava elaborando la teoria della relatività generale, senza peraltro essere riuscito a chiarirlo.[2]

Altre soluzioni furono in seguito proposte (cilindri rotanti, buchi neri rotanti, wormholes...), ma non è ancora chiaro se le condizioni imposte siano fisicamente accettabili. La reale esistenza di CTC implicherebbe la possibilità di effettuare un viaggio nel tempo, con conseguente violazione del principio di causalità, rialzando lo spettro del paradosso del nonno.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ vedi l'articolo An Example of a New Type of Cosmological Solutions of Einstein's Field Equations of Gravitation, Rev. Mod. Phys. 21, 447-450 (1949) di Kurt Gödel [1] DOI: 10.1103/RevModPhys.21.447
  2. ^ da: Albert Einstein, Autobiografia scientifica

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

relatività Portale Relatività: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di relatività