Crusader (serie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Crusader è una serie di videogiochi d'azione in terza persona sviluppati dalla casa sviluppatrice Origin Systems e pubblicati da Electronic Arts tra il 1995 ed il 1996.

È costituita da 2 titoli: Crusader: No Remorse (1995) e Crusader: No Regret (1996), le colonne sonore per entrambi i giochi sono stati composti da Andrew Sega e Dan Grandpré della ormai chiusa Productions Straylight.

Un terzo videogioco della serie (con il titolo provvisorio di No Mercy) non fu mai pubblicato, sia perché Tony Zurovec del team Crusader lasciò Origin e seguì il creatore di Wing Commander Chris Roberts nella sua nuova compagnia Digital Anvil, e sia perché la Origin concentrò tutti i suoi sforzi su Ultima Online.

Entrambi i giochi furono pubblicati su GOG.com in veriosne compatibile con Windows XP/7/8 and Mac OS X (a partire dalla verisone 10.8.6)[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato in un distopico XXII secolo, il gioco parla di un Silencer, un super-soldato d'élite che diserta dal governo del mondo in carica, il Consorzio Economico Mondiale (World Economic Consortium, abbreviato in WEC), e si unisce all'organizzazione che si oppone al WEC, nota come la Resistenza (Resistance), per combattere il tirannico governo per cui una volta aveva prestato servizio.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Entrambi i videogiochi utilizzano una versione migliorata del motore di Ultima VIII con grafica SVGA, ed utilizzano una visuale isometrica. L'audio del gioco utilizza un motore appositamente realizzato, chiamato Asylum Sound System, che impiega i file MOD piuttosto che General MIDI, in modo da fornire una buona qualità senza ricorrere a costosi componenti hardware. Utilizzano inoltre la tecnologia Full Motion Video (FMV), sequenze con attori reali; utilizzate per narrare l'evolversi delgi eventi nella trama.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il codice 1701-D che appare a volte sui monitor dei computer durante il gioco è un riferimento alla USS Enterprise di Star Trek.
  • La "Base Echo" è probabilmente un riferimento a Star Wars. Altri possibili riferimenti a Star Wars in No Regret sono le navi Di-Cor, che assomiglia un po' allo Star Destroyer Imperiale. Inoltre il casco del Silencer assomiglia a quello indossato da Boba Fett e da altri Mandaloriani, il trasporto truppe nella missione 8 ricorda il Millennium Falcon, mente la spesso ripetuta espressione "feccia ribelle" (rebel scum) come insulto generico è una citazione de Il ritorno dello Jedi. Infine, il materiale Di-Corellium, è molto probabilmente un riferimento al pianeta natale di Han Solo, Corellia.
  • In No Regret, il numero "451" è usato come un codice tastiera vicino a un terminale con l'indizio, "la temperatura alla quale brucia la carta". Questo si riferisce a Fahrenheit 451, che è (secondo il libro), "la temperatura alla quale la carta del libro prende fuoco e brucia". L'allusione usata in una società della repressione della conoscenza è forse un'ironia prevista.
  • Se si gioca a No Regret mentre la data del computer è impostato al 25 dicembre, un mix di "elfi demoniaci malvagi" dei canti natalizi God Rest Ye Merry, Gentlemen, Jingle Bells e Frosty the Snowman sostituisce le normali tracce audio. Inoltre, alcuni elementi grafici vengono sostituiti con versioni a tema natalizio, come ad esempio una versione del Silencer che indossa un cappello di Babbo Natale e le guardie LMC che gridano "Buon Natale, Silencer!" prima di attaccare.
  • Il contenitore di gas nervino trovato nella settima missione di No Remorse si chiama "EEOD", abbreviazione di "Easter Egg of Death".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Crusader: No Regret™ for download $5.99 from GOG.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tyler M., Frase T., McCubbin C. (1995) Origin's official guide to Crusader: No Remorse, Origin Systems, Inc. ISBN 0-929373-26-X
  • McCubbin C., Frase T. (1996) Origin's official guide to Crusader: No Regret, Prima Publishings ISBN 0-76150925-9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi