Corpi mammillari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I corpi mammillari sono due rilievi, a forma e somiglianza delle mammelle, situati nella parte più interna anteriore e caudale del diencefalo (di cui fanno parte), posteriormente al chiasma ottico dal quale sono separati per la presenza del tuber cinereum dell'ipofisi.

Inferiormente ad essi si trovano i peduncoli cerebrali, che dal mesencefalo divergono delimitando uno spazio (la fossa interpeduncolare), al quale i corpi mammillari sono solidali.

Ciascuno dei corpi mammillari possiede nuclei propri, divisibili in nucleo mammillare mediale e nucleo mammillare laterale. Questi ricevono fibre afferenti dall'ippocampo per mezzo di fibre che seguono il fornice e inviano a loro volta efferenze ai nuclei anteriori del talamo (mediante il fascio mammillo-talamico).[1]

Si stima che essi siano implicati nei processi che regolano l'emozione (gestita dall'ipotalamo) e nei processi di memoria, soprattutto, e apprendimento.

Inoltre i corpi mammilari sono centri di attività riflessa riguardanti l'olfatto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr: Circuito di Papez