Constantin von Brandenstein-Zeppelin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Constantin von Brandenstein-Zeppelin

Constantin von Brandenstein-Zeppelin (Biberach an der Riß, 22 giugno 1953) è uno storico tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini e la famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Costantin è figlio del conte Alexander von Brandenstein-Zeppelin (1915-1979) e della moglie baronessa Ursula von Freyberg-Eisenberg-Allmendingen (1917-1985); è inoltre discendente del generale conte Ferdinand von Zeppelin e dell'etnografo Philipp Franz von Siebold e suo cugino paterno è il conte Alexander von Schönburg-Glauchau. Nel 1978 ha sposato Ameli, nata principessa di Löwenstein-Wertheim-Freudenberg, figlia del principe Hubertus zu Löwenstein-Wertheim-Freudenberg.

Gli studi[modifica | modifica wikitesto]

Brandenstein-Zeppelin ha frequentato le università di Vienna e di Monaco di Baviera, dove si è laureato in giurisprudenza e diritto canonico, conseguendo successivamente la laurea in storia medievale. Ha fatto parte dell'Unione degli Studenti Cristiano-Democratici.

La carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 è divenuto docente di diritto ecclesiastico presso la Johann Wolfgang Goethe-Universität di Francoforte sul Meno; è stato autore di numerose pubblicazioni riguardo alla storia della chiesa cattolica in Germania, dedicandosi in maniera particolare al periodo medievale. Tra il 1994 e il 2009 ha pubblicato: I primi evangelizzatori nella Germania barbarica, Il cammino di Colonia, L'abazia di Fulda: una storia eterna,I privilegi ecclesiastici nella Germania medievale, Vescovo e Principe, L'ordine teutonico e la Chiesa, Gli ordini religiosi cavallereschi, Sullo sviluppo dell'ordine benedettino in Europa. In quanto ufficiale della Bundeswehr con il grado di capitano, è anche stato responsabile degli affari di Chiesa dell'esercito tedesco.

Il rapporto con la nobiltà e gli ordini cavallereschi[modifica | modifica wikitesto]

Brandenstein-Zeppelin è stato nel 1990 presidente della Hilfest dell'Ordine di Malta, del quale è cavaliere d'onore e devozione, dedicandosi anche allo sviluppo delle sede dell'ordine nella Diocesi di Fulda. Ha curato i restauri del suo castello di Burg Brandenstein, che ha ospitato la festa dell'ordine nel 1997 ed è stato segretario generale del Zentralkommittees der deutsches Katholiken. Inoltre è uno dei cavalieri dell'Ordine di Sant'Uberto ed è delegato per la Baviera del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine al Merito di Germania
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto
Cavaliere di Gran Croce del Reale ordine di San Giorgio per la difesa dell'Immacolata Concezione - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Reale ordine di San Giorgio per la difesa dell'Immacolata Concezione
Gran Croce d'onore e devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce d'onore e devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]