Comando dei supporti delle forze operative terrestri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comando dei supporti delle forze operative terrestri
Stemma del Comando dei supporti delle forze operative terrestri
Stemma del Comando dei supporti delle forze operative terrestri
Descrizione generale
Attivo 1 ottobre 1997 - ??
Nazione Italia Italia
Alleanza NATO NATO
Servizio CoA Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo supporto logistico
Ruolo logistica da combattimento e specializzazione
Dimensione Divisione/Corpo d'armata
Guarnigione/QG Roma (città militare della Cecchignola)
Soprannome Supporti COMFOTER
Reparti dipendenti
Comsup org.jpg
Comandanti
Comandanti degni di nota generale di corpo d'armata Rocco Panunzi

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Comando dei supporti e delle forze operative terrestri è stato un alto comando dell'Esercito Italiano ubicato presso la cittadella militare della Cecchignola di Roma, dipendente dal Comando delle forze operative terrestri e specializzato nel supporto operativo in teatro alle forze terrestri. Il comando dei supporti raggruppava i comandi monoarma impiegati principalmente per compiti operativi ed addestrativi e le scuole di specializzazione dell'Esercito. Era affidato ad un generale di corpo d'armata (OF-8) o tenente generale.

Soppresso, è stato riconfigurato nel nuovo Comando per la formazione, specializzazione e dottrina dell'Esercito, insediatosi alla Cecchignola il 1º gennaio 2013.[1]

Organigramma[modifica | modifica sorgente]

Di seguito è elencato l'ultimo organigramma dei supporti delle forze operative terrestri con informazioni sulla natura del reparto comandi monoarma, scuola di specializzazione o ente misto), l'araldica del reparto, il rango del reparto e la sede del reparto stesso (organigramma non aggiornato)

  • Stemma SMD.jpg Scuole interforze
    • STEM2.GIF Scuola interforze NBC (Rieti)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rapporto Esercito 2012, pp. 41-42.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV., Rapporto Esercito 2012 (supplemento) in Rivista Militare, n. nº 2, Roma, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]