Ciutat de les Arts i les Ciències

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 39°27′16.3″N 0°21′01.31″W / 39.454528°N 0.350364°W39.454528; -0.350364

Il Palau de les Arts Reina Sofía
L'Hemisfèric
L'Umbracle
Il Museo delle scienze Principe Felipe
L'Oceanografico
Il Pont de l'Assut de l'Or
L'Ágora

La Città delle Arti e delle Scienze (in castigliano: Ciudad de las Artes y las Ciencias; in valenziano: Ciutat de les Arts i les Ciències), è un complesso architettonico composto da cinque differenti strutture, suddivise all'interno di tre aree tematiche: arte, scienza e natura. Sorge a Valencia, in Spagna, sul vecchio letto, ora spostato, del fiume Turia e copre una superficie 350.000 m2.

Progettato dall'architetto valenciano Santiago Calatrava ed iniziato nel luglio 1996, è un esempio di architettura organica, che grazie a qualità costruttive d'avanguardia, riesce ad armonizzare gli elementi con i contenuti, lasciando però trasparire la tradizione mediterranea del mare e della luce attraverso un gioco di colori tra l'azzurro dei grandi stagni d'acqua a cielo aperto e il bianco del cemento.

Il centro è una vera e propria "città nella città", costituito dalle seguenti strutture, note con i loro nomi valenciani:

Un monumentale edificio dalle forme molto singolari destinato alla creazione, alla promozione e alla diffusione di tutte le arti sceniche.
Una struttura architettonica di 13.000 m2 concepito per fondere insieme le vibranti sensazioni suscitate da un planetario con l'impatto visivo delle immagini cinematografiche in formato IMAX su uno schermo di quasi 900 m2. La forma dell'edificio riprende l'idea di un gigantesco occhio umano, la cui metà superiore, costituita dalla creazione architettonica di Calatrava, è virtualmente completata nell'occhio del visitatore dal riflesso dell'edificio osservabile in uno stagno rettangolare di 24.000 m2.
Un edificio situato nella parte meridionale del complesso, lungo 320 m e largo 60, costituito da un parcheggio su due piani per automobili (fino a 900) e pullman (fino a 20) e una passeggiata superiore nota come Paseo de las Esculturas (in italiano viale delle sculture) abbellita da un giardino alberato contenente una grande varietà di piante di specie diverse.
Un museo scientifico interattivo con una forma che ricorda vagamente lo scheletro di un enorme dinosauro, suddiviso su tre piani principali di circa 8.000 m2 ciascuno: Tecnópolis, El Escaparate de la Ciencia (la vetrina della scienza) e Formas y Estructuras (forme e strutture). Al secondo piano è inoltre presente El legado de la ciencia (il lascito della scienza) in cui è presente un'esposizione sulla vita e le opere dei Premi Nobel Severo Ochoa, Santiago Ramón y Cajal e Jean Dausset.
Uno dei più grandi acquari d'Europa, un parco oceanografico all'aria aperta posto su di una superficie di 110.000 m2. Al suo interno sono rappresentati tutti i differenti habitat marini di mari e oceani attraverso più di 40.000 specie diverse.
Un ponte strallato il cui pilone di 125 metri di altezza è il punto più alto della città.
Una piazza coperta, inaugurata nel novembre del 2009 e nella quale si realizzano convegni ed eventi sportivi come l'Open de Tenis Comunidad Valenciana.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura