Circuito ferroviario di prova di Velim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La posizione di Velim nella Repubblica Ceca.
Mappa del Centro di prova di Velim.

Il circuito ferroviario di prova di Velim (in ceco Železniční zkušební okruh u Velimi) è un percorso ferroviario dedicato a prove e collaudi di materiale rotabile sito a Cerhenice, nei pressi di Poděbrady nella Boemia centrale, in Repubblica Ceca. È divenuto uno dei centri di prova più importanti per la prova e il collaudo di nuovi tipi di rotabili destinati alla circolazione in Europa ed è pienamente accreditato sin dal marzo del 1995[1].
La struttura del circuito consiste di due ampi ovali di binario a scartamento normale, e dei relativi raccordi, attrezzati per la corsa continua dei rotabili.

Il centro è di proprietà dell'Istituto di ricerca ferroviaria (VUZ, Výzkumný ústav železniční)[2] una sussidiaria del gestore del servizio ferroviario nazionale, České dráhy.

Struttura e dotazioni del circuito[modifica | modifica sorgente]

I due circuiti ferroviari vennero costruiti nel 1963 e sono localizzati tra i villaggi di Vrbová Lhota, Ratenice, Cerhenice, Velim, Pňov-Předhradí e i sobborghi meridionali di Poděbrady. Il villaggio di Sokoleč è compreso interamente all'interno del circuito più grande.

I circuiti hanno le seguenti caratteristiche:

  • circuito breve: lunghezza di 3,951 km e velocità massima ammessa di 90 km/h.
  • circuito grande: lunghezza di 13,276 km e velocità massima ammessa di 230 km/h, per treni a pendolamento, e 210 km/h per treni convenzionali.
schema del circuito
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "kABZc2" Unknown route-map component "kSTRq+l" Unknown route-map component "kSTRq+r" Unknown route-map component "kABZc3"
Unknown route-map component "d"
Unknown route-map component "kSTRg+l" + Track turning from left
Unknown route-map component "ABZq+lr" Track turning from right Unknown route-map component "kSTRg+r"
Unknown route-map component "d" Small non-passenger station on track Track turning left Track turning right Straight track
Unknown route-map component "dCONT2"
Unknown route-map component "kABZgl" + Unknown route-map component "STRc3"
Unknown route-map component "kSTRgr"
linea per Praga
Unknown route-map component "dSTRc1"
Unknown route-map component "kABZc1" + Unknown route-map component "ABZ2+4g"
Unknown route-map component "kSTRql" + Unknown route-map component "STRc3"
Unknown route-map component "kSTRqr" Unknown route-map component "kABZc4"
Unknown route-map component "STRc1" Unknown route-map component "dCONT4"
linea per Kolin
L'Alstom AGV a 200 km/h sul circuito grande.
Locomotiva Vectron di Siemens in prova nel 2011
Locomotiva ČD 380 di costruzione Škoda in prova a Velim

Nel corso delle prove vengono accertate e provate le caratteristiche tecniche specifiche dei veicoli compreso il livello di rumore emesso; le apparecchiature permettono inoltre di accertare la capacità di collegamento con i sistemi di European Train Control System (ETCS) e GSM-R radio, compresa la simulazione di guasti e del cambio del tipo di elettrificazione..

Entrambi i circuiti sono in grado di fornire i sistemi di alimentazione elettrica maggiormente diffusi in Europa:

Tensione di alimentazione[V] Tipo di corrente Frequenza [Hz] Potenza massima erogabile [MW]
3 000 CC 10
1 500 CC 5
25 000 CA monofase 50 10
15 000 CA monofase 16,7 9

Una sezione di 1,5 km è alimentabile tramite terza rotaia per i rotabili che usano tale sistema.[3]

Il circuito di Velim è stato usato da Alstom, nel 2008-2009 per le prove della sua Automotrice à grande vitesse[4] e per quelle del treno di AnsaldoBreda V250. Anche il treno IC4 di AnsaldoBreda è stato spesso collaudato sull'impianto di Velim.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nick Kingsley, Velim team focuses on delivery in Railway Gazette International, 10 novembre 2008. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  2. ^ Vítáme Vás na stránkách VUZ
  3. ^ Nick Kingsley, Velim team focuses on delivery in Railway Gazette International, 10 novembre 2008. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  4. ^ Chris Jackson, AGV: Testing times ahead in Railway Gazette International, 2 settembre 2008. URL consultato il 5 ottobre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Peter Bock, Oranienburger Runde. Von der Versuchsbahn zum Testring. In: Verkehrsgeschichtliche Blätter. Bd. 27, Berlino, 2000..

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 50°06′00″N 15°05′45″E / 50.1°N 15.095833°E50.1; 15.095833