Cima Brenta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà garanzia di validità dei contenuti: leggi le avvertenze.
Cima Brenta
Dolomiti di Brenta.jpg
Il gruppo di Brenta da ovest, al centro cima Brenta
Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Trento Trento
Altezza 3150 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°10′47.65″N 10°54′01.83″E / 46.179903°N 10.900508°E46.179903; 10.900508Coordinate: 46°10′47.65″N 10°54′01.83″E / 46.179903°N 10.900508°E46.179903; 10.900508
Data prima ascensione agosto 1871
Autore/i prima ascensione Freshfield e Tuckett con F. Devouassoud
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cima Brenta
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Sud-orientali
Sezione Alpi Retiche meridionali
Sottosezione Dolomiti di Brenta
Supergruppo Gruppo di Brenta e della Paganella
Gruppo Gruppo di Brenta
Sottogruppo Gruppo centrale di Brenta
Codice II/C-28.IV-A.1.e

La Cima Brenta (3150 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi Retiche meridionali. È la seconda vetta delle Dolomiti di Brenta.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Cima Brenta è il punto culminante del poderoso massiccio che forma la parte centrale del gruppo di Brenta, tra il massiccio della Tosa a sud e quello del Grostè a nord.

La vetta si trova sulla dorsale principale del gruppo, la quale forma le creste nord e sud della montagna. Dalla vetta si stacca inoltre la poderosa cresta ovest, che forma un'anticima (3122 m) dove si biforca: verso ovest prosegue fino a cima Mandron (3040 m) e alle due Punte di Campiglio (2969 m e 2876 m), formando le grandi pareti che incombono sul vallone e sul rifugio Brentei; verso nord-ovest forma le quindici Torri di Kiene e termina con la Punta Massari (2846 m), sopra il rifugio Tuckett. Le due creste racchiudono la vedretta di Brenta superiore. Verso nord uno scivolo ghiacciato scende fino alla vedretta di Brenta inferiore, nei pressi della bocca di Tuckett. Verso est una grande parete giallastra precipita per 800 metri sulle val Perse, attraversata nella parte alta dalla cengia Garbari, sulla quale passa la Via delle Bocchette.

Prima ascensione[modifica | modifica wikitesto]

La prima ascensione fu compiuta nell'agosto 1871 dagli inglesi Douglas William Freshfield e Francis Fox Tuckett con la guida François Devouassoud di Chamonix, salendo da ovest per la vedretta di Brenta superiore.[1]

Itinerari[modifica | modifica wikitesto]

La via dei primi salitori è ormai seguita raramente[2]. La via normale è attualmente considerata quella che sale da nord e poi da est: si segue la via delle Bocchette dalla bocca di Tuckett alla cengia Garbari, dalla quale per tracce e per un canale (80 metri di I grado) si raggiunge un'anticima; da questa si scende a una selletta da cui direttamente in cima (dopo l'anticima friabile e delicato, a tratti esposto). Un'altra via normale - da sud - sale dal fondo del vallone dei Brentei (650 m; PD).

Alcuni difficili itinerari sono stati tracciati sulla rossastra parete est: la via Detassis-Stenico (450 m; V VI), la via Verona (650 m; VI A3 AE) e altri, fino alla più recente via Fiamme Gialle (650 m; VIII+; 2005)[3].

Molto seguito, soprattutto all'inizio della stagione, quando grazie all'innevamento si trova in buone condizioni, è l'itinerario per lo scivolo nord (450 m; pendenze fino a 50 gradi, AD). Lo scivolo è stato disceso con gli sci per la prima volta il 21 giugno 1970 da Heini Holzer e ora è disceso abbastanza frequentemente (TD S5).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel contesto delle tensioni nazionalistiche tra alpinisti di lingua tedesca e alpinisti trentini all'inizio del '900, nel 1905 la cima Tosa era stata ribattezzata Franz Joseph-Spitze e vi era stata issata una grande bandiera gialla e nera. I due alpinisti tentini Carlo Garbari e Guido Larcher salirono sulla cima per abbattere la bandiera e portare via il drappo, parte del quale fu inviato come trofeo al Comandante del 6º Reggimento Alpini di Verona.[4]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Buscaini e Castiglioni, p. 329
  2. ^ Lungo di essa si svolge un impegnativo itinerario scialpinistico.
  3. ^ Nuove ascensioni, "La Rivista", Milano, Club Alpino Italiano, 2008 marzo aprile, pag. 24
  4. ^ Cuaz attribuisce erroneamente questo episodio alla Cima Tosa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]