Cheilinus undulatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pesce Napoleone
ReefFish001.jpg Humphead wrasse melb aquarium.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Labridae
Genere Cheilinus
Specie C. undulatus
Nomenclatura binomiale
Cheilinus undulatus
Rüppell, 1835
Areale

Cheilinus undulatus distribution.png

Il pesce napoleone (Cheilinus undulatus Rüppell, 1835) è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia dei Labridi[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Presenta un corpo alto e compresso ai fianchi, robusto e muscoloso, ricoperto da grosse scaglie; la testa è caratterizzata da una prominenza frontale globosa ma irregolare che si sviluppa con l'età. Ha una bocca protrattile e grosse labbra carnose. Le pinne sono tozze e robuste, arrotondate.
La livrea presenta uno sfondo variabile dall'azzurro al verde smeraldo, dal verde pisello al grigio rosato, screziato finemente da un reticolo di linee sottili giallognole che disegnando un labirinto su tutto il corpo e le pinne, ad eccezione della testa. La pinna caudale è orlata di chiaro. Le forme giovanili sono più chiare.
Si tratta del Labride di maggiori dimensioni: l'esemplare più grande riportato in letteratura misurava 230 cm e pesava oltre 190 Kg.[3]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Specie tendenzialmente solitaria, stanziale, di abitudini diurne. Si addormenta fra i coralli durante la notte.
Si avvicina facilmente all'uomo.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di pesci, molluschi, crostacei, echinodermi ed altri invertebrati.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa dal Mar Rosso attraverso l'oceano indiano sino alla regione pacifica della Micronesia.[1]

È un tipico abitante della barriera corallina: si incontra in zone protette e sulla scarpata del reef fino alla profondità di 60 m.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

C. undulatus è considerata dalla IUCN Red List una specie a rischio di estinzione (Endangered).[1]

La minaccia principale è rappresentata dalla pesca indiscriminata. Le sue carni e le sue labbra costituiscono piatti molto ricercati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Russell, B. (Grouper & Wrasse Specialist Group) 2004, Cheilinus undulatus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Cheilinus undulatus in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species). URL consultato il 22 ottobre 2014.
  3. ^ a b Randall JE, Head SM and Sanders APL, Food habits of the giant humphead wrasse Cheilinus undulatus (Labridae) in Environmental Biology of Fishes, vol. 3, 1978, pp. 235-238.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Helmut Debelius, Mar Rosso, Guida alla Fauna Corallina, Milano, Primaris, 1999, ISBN 9788885029507.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci