Cecilia Paolina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cecilia Paolina
Moneta di Paolina celebrante la sua divinizzazione
Moneta di Paolina celebrante la sua divinizzazione
Consorte dell'imperatore romano
In carica -
Nome completo Caecilia Paulina
Morte 235/236
Consorte Massimino Trace
Figli Gaio Giulio Vero Massimo

Cecilia Paolina (latino: Caecilia Paulina; ... – 235/236) fu augusta dell'Impero romano, divinizzata dal marito Massimino Trace alla sua ascensione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si conosce molto poco di Paolina, che non viene neppure chiamata col suo nome dagli storici antichi. Il nome completo di titoli, Diva Caecilia Paulina Pia Aug[usta] è riportato in una iscrizione.[1] Sulle monete è chiamata semplicemente Diva Paulina, ma queste furono coniate solo dopo la sua morte, successivamente alla sua divinizzazione. Non esistono statue che la raffigurino.[2]

Lo storico del IV secolo Ammiano Marcellino ne parlò nel libro che dedicò ai Gordiani (Gordiano I e Gordiano II, oppositori di Massimino Trace), ma questo libro è andato perso; in un passaggio successivo la descrive come la buona moglie del truculento Massimino, che cercò di «riportarlo sul percorso della verità e della pietà, con gentilezza femminile».[3]

Ebbe un figlio, Gaio Giulio Vero Massimo, che fu nominato cesare dal padre, e che fu con lui ucciso dai soldati nell'aprile 238.

La morte di Paolina venne, probabilmente, nel tardo 235 o all'inizio del 236. La città di Anazarbus, in Cilicia, coniò infatti delle monete recanti la legenda Thea Paulina (equivalente in lingua greca del latino Diva Paulina) e datate all'anno 254 della città, equivalente al 235/236; il fatto che la legenda la chiami diva indica il fatto che al momento dell'emissione Paolina era morta.[4]

Giovanni Zonara afferma che Massimino fece giustiziare la moglie, ma l'accusa, non confermata, sembra anche improbabile alla luce del fatto che fu Massimino a far deificare Paolina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CIL X, 5054.
  2. ^ Bryn Mawr Classical Review 2005.04.10
  3. ^ Ammiano Marcellino, xiv,1,8. «Adolescebat autem obstinatum propositum erga haec et similia multa scrutanda, stimulos admovente regina, quae abrupte mariti fortunas trudebat in exitium praeceps, cum eum potius lenitate feminea ad veritatis humanitatisque viam reducere utilia suadendo deberet, ut in Gordianorum actibus factitasse Maximini truculenti illius imperatoris rettulimus coniugem».
  4. ^ Roman Provinicial Coins and Imperial Chronology from Elagabalus to Valerian

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pauly-Wissowa: Realencyclopädie der Classischen Altertumswissenschaft, III. p. 1236

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma