Catherine Herbert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lady Catherine Herbert, contessa di Dunmore (Londra, 31 ottobre 1814Inveresk, 12 febbraio 1886), è stata una nobildonna inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era una figlia di George Herbert, XI conte di Pembroke, e della sua seconda moglie, la contessa Ekaterina Vorontsov, figlia di Semyon Romanovich Vorontsov, ambasciatore russo presso la Corte di St. James's.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 27 maggio 1836, sposò Alexander Murray. Egli succedette a suo padre, nella contea di Dunmore, pochi mesi dopo. La coppia ebbe quattro figli:

  • Lady Susan Catherine Mary (1837-1915), sposò, il 29 novembre 1860, James Carnegie, IX conte di Southesk come sua seconda moglie, ebbero sette figli;
  • Lady Constance Eufemia Woronzow (1838-1922), sposò William Buller-Fullerton-Elphinstone, XV Lord Elphinstone;
  • Charles Murray, VII conte di Dunmore (1841-1907);
  • Lady Victoria Alexandrina (1845-1911), sposò Rev. Henry Cunliffe (1826-1894).

Nel 1841, venne nominata Lady of the Bedchamber della regina Vittoria ma si dimise dopo la morte del marito, quattro anni dopo. Dopo la sua morte, ereditò 150.000 acri (610 km²) nell '"isola" di Harris.

Durante le difficoltà economiche della carestia delle patate nelle Highland (1846-1847), Lady Dunmore promosse lo sviluppo di Harris Tweed.

Morte[modifica | modifica sorgente]

La contessa morì, all'età di 71 anni, il 12 febbraio 1886 a Carberry Tower, Inveresk, e fu sepolta a Dunmore, Stirlingshire.