Carlo Gambacurta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Gambacurta
Dati biografici
Nazionalità bandiera Regno d'Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 1937
Carriera
Squadre di club
1935-1937 Individuale
Statistiche aggiornate al luglio 2011

Carlo Gambacurta (Roma, 1 gennaio 1912Roma, 11 gennaio 2001) è stato un ciclista su strada italiano. Professionista dal 1935 al 1937, partecipò a due edizioni del Giro d'Italia e a una Milano-Sanremo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gambacurta iniziò la sua carriera ciclistica nel 1927 nella categoria allievi, con la S.S. Ardita, ottenendo diversi piazzamenti. Nel 1928, sempre tra gli allievi, riportò cinque vittorie, tra le quali il campionato laziale di categoria.

Nel 1929, passato Dilettante di V categoria con l'A.S. Monti di Roma, vinse nove gare tra cui la Roma–Formia (prova di campionato laziale assoluto), Coppa Gatta, Coppa Genzano ed il Gran Premio Monti. Nel 1930, passato tra i dilettanti di IV categoria, ottenne una decina di vittorie, tra le quali il campionato laziale assoluto, la Coppa Città d'Ascoli, la Coppa Genzano ed il Gran Premio Monti.

Nel 1931, dilettante di III categoria, ripeté i successi dell'anno scorso, vincendo ancora il Gran Premio Monti e, tra le altre, Coppa Orlando Pace, Roma-Acquapendente, Targa Di Giuliano e il titolo di campione laziale dilettanti di III categoria. Nel 1932 all'esordio tra i dilettanti, ottenne sei vittorie e, tra queste, il Gran Premio d'Apertura a Napoli, la Roma–Ascoli Piceno, prova di selezione del campionato del mondo, il Gran Premio Monti ed il Criterium Arzanese.

Chiamato alle armi nel 1933, riprese le gare nel 1934 tesserato nella categoria indipendenti, partecipando a Giro di Toscana, Giro del Lazio, Gran Premio dei Cesari (Rimini-Roma in due tappe) e in diverse altre gare.

Nel 1935, tornato a gareggiare tra i dilettanti nelle file del Gruppo Sportivo Dopolavoro “Lavoro Fascista”, vinse il Gran Premio d'Apertura a Roma, poi, nuovamente tesserato come indipendente, prese parte al Giro d'Italia ove fu costretto all'abbandono durante la seconda tappa per problemi di salute. Prese parte a varie altre gare riservate a corridori professionisti e indipendenti e al Giro delle quattro Provincie del Lazio, dove si classificò terzo nell'ultima tappa vinta da Girardengo.

Nel 1936, dopo un lungo periodo senza vittorie, riportò il terzo posto nel campionato italiano dilettanti a Parma e la vittoria nella Coppa Iridio Mantovani, vinta per distacco sui fratelli Taddei, Montuori, Toccaceli, Mario Ricci e Adolfo Leoni.

Nel 1937, sempre nella categoria indipendenti, partecipò alla Milano-Sanremo e al Giro d'Italia. Prima dello scoppio della seconda guerra mondiale vinse, a Isola del Liri, l'ultimo titolo regionale nella categoria indipendenti.

Il 29 agosto 1938, Gambacurta chiuse la carriera ciclistica aggiudicandosi la vittoria nella Coppa Città di Acquapendente, ultima corsa cui prese parte. Alcuni mesi prima, il 1º maggio, si era aggiudicato a Isola Liri l'ultimo titolo di campione laziale per la categoria Indipendenti.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Roma-Ascoli Piceno

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1935: ritirato (2ª tappa)
1937: ritirato (11ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1937: 20º

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]