Camilo Torres Restrepo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Se la beneficenza, l'elemosina, le poche scuole gratuite, i pochi piani edilizi, ciò che viene chiamato "la carità," non riesce a sfamare la stragrande maggioranza degli affamati, né a vestire la maggioranza degli ignudi, né ad insegnare alla maggioranza di coloro che non sanno, bisogna cercare mezzi efficaci per dare tale benessere alle maggioranze. »
(Camilo Torres, Messaggio ai cristiani)
Camilo Torres Restrepo

Camilo Torres Restrepo (Bogotá, 3 febbraio 1929Dipartimento di Santander, 15 febbraio 1966) è stato un presbitero, guerrigliero e rivoluzionario colombiano, precursore della Teologia della liberazione, co-fondatore della prima Facoltà di Sociologia e membro dell'Esercito di liberazione nazionale colombiano. Durante la sua vita promosse il dialogo tra il marxismo rivoluzionario e il cattolicesimo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia e formazione universitaria[modifica | modifica sorgente]

Nasce il 3 febbraio 1929 a Bogotà, in Colombia. I suoi genitori provenivano da famiglie ricche della borghesia liberale. Spinto dai genitori in Europa quando aveva appena due anni, tornò a casa nel 1934. Tre anni più tardi, nel 1937, la coppia si sciolse, lasciando suo fratello Fernando Camilo e accanto alla madre. Espulso per aver criticato i suoi professori e la sua scuola, il Colegio Mayor de Nuestra Señora del Rosario di Bogotà , ha completato gli studi secondari in un liceo privato cattolico maschile nel 1946. Si è iscritto nella Facoltà di Giurisprudenza presso l' Università Nazionale di Colombia , ma ha frequentato solo un semestre, influenzato dalle idee sociologiche di due sacerdoti domenicani francesi conosciuti tramite il padre della sua ragazza, l'idea di diventare prete cominciò ad interessare Camilo e nel prendere questa decisione si ritirò a meditare sulle pianure orientali. Così entrò nel Seminario Teologico di Bogotá, dove rimase sette anni, durante i quali si è interessato agli studi sociali.

La vita sacerdotale e accademica presso l'Università Nazionale di Colombia[modifica | modifica sorgente]

Camilo Torres con degli studenti.

Come cristiano, le tematiche della povertà e dell'ingiustizia sociale attirarono la sua attenzione, così, col suo compagno di classe Gustavo Perez creò un circolo di studi sociali, che ha proseguito la sua attività anche dopo che Torres è stato ordinato sacerdote nel 1954. 1955: Per conseguire una specializzazione, Torres si recò in Belgio per studiare alcuni anni presso l' Università Cattolica di Leuven . Fondò con un gruppo di studenti colombiani dell'università l'ECISE (équipe di ricerca socioeconomica colombiano) ed entrò in contatto con la Democrazia cristiana, il movimento sindacale cristiano e con il gruppo di resistenza algerina a Parigi. Per l'ECISE fondò le sezioni di Bogotà, Parigi e Londra. 1958 L'università belga gli ha conferito il titolo di sociologo. La sua tesi di dottorato, Un approccio statistico alla realtà socio-economica di Bogotà, un lavoro pionieristico sulla sociologia urbana in America Latina, fu pubblicata nel 1987 sotto il titolo di La proletarizzazione di Bogotà. 1959: Quando tornò in Colombia si sentì costretto a sostenere attivamente la causa dei poveri e della classe operaia. In quell'anno fu nominato cappellano ausiliario della Università Nazionale della Colombia a Bogotà. Venne assunto al Dipartimento di Sociologia della Facoltà di Economia come professore. Fu socio fondatore e presidente del Movimiento Universitario de Promoción Comunal (MUNIPROC). Realizza, insieme a insegnanti e studenti, programmi d'azione comunitari nei quartieri di Bogotà. 1960: Partecipa con Orlando Fals Borda , Carlos Escalante, Eduardo Umana, Maria Cristina Salazar, Dario Uribe Botero, Virginia Gutiérrez de Pineda e Thomas Ducay, tra gli altri, alla fondazione della prima facoltà di Sociologia dell'America Latina (oggi Dipartimento ) nella Università Nazionale, in cui ebbe la cattedra di professore. 1962: Fu membro del Comitato Tecnico per la riforma agraria per l'INCORA (Istituto Colombiano della Riforma Agraria). Obbediendo agli ordini del cardinale Luis Concha Córdoba, rinuncia a tutte le attività presso l'Università Nazionale. 1963: Fu presidente del Primo Congresso Nazionale di Sociologia tenutosi a Bogotà e presentò lo studio "Violenza e cambiamenti socio-culturali nelle zone rurali della Colombia". Camilo Torres ritiene che per garantire la giustizia sociale, i cristiani erano tenuti a partecipare alla lotta armata.

Il Fronte Unito[modifica | modifica sorgente]

Camilo Torres con dei contadini colombiani.

L'arrivo del Fronte nazionale ha indotto Camilo Torres a formare il Fronte Popolare Unito, un movimento di opposizione ai partiti della coalizione di liberali e conservatori. Il suo movimento ha cercato di rispondere alle esigenze delle zone rurali e urbane,fornendo la partecipazione e l'apporto della Chiesa nella Teologia della Liberazione. Mentre era ancora professore alla Università Nazionale organizzò una marcia pacifica con i suoi studenti. Il Fronte Unito servì come il braccio politico dell'ELN (Ejercito de Liberacion Nacional) e permise a Camilo Torres di entrare in contatto con i leader del movimento guerrigliero.

La vita nella guerriglia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver lasciato il suo lavoro di insegnante, sciogliendo il Fronte Unito e arruolatosi nella guerriglia, partecipò a questa come membro di basso rango e fornì sostegno spirituale e ideologico da una prospettiva cristiana e marxista. Morì nella sua prima esperienza in combattimento, in un'imboscata tesa ad una pattuglia militare colombiana dall'ELN. Dopo la sua morte, Camilo Torres è diventato un martire ufficiale del ELN.


« Se Gesù fosse vivo, sarebbe nella guerriglia. »

Morte[modifica | modifica sorgente]

Torres morì il 15 febbraio del 1966 a Patio Cemento, dopo aver combattuto con le truppe della Quinta Brigata di Bucaramanga, guidati dal colonnello Alvaro Valencia Tovar. L'esercito nascose il corpo in una posizione strategica separato da altre fosse comuni e il luogo non fu comunicato al pubblico. Anni dopo, Valencia Tovar, ora generale in pensione, scrisse il libro La fine di Camilo, dove chiarì i dettagli della morte di Camilo Torres. Secondo Valencia Tovar, Torres fu sepolto in un luogo preparato da loro per dare i resti alla famiglia. Il generale Alvaro Valencia Tovar ha detto in un'intervista alla rivista Semana che il corpo di Camilo Torres è stato riesumato tre anni dopo la sua sepoltura, e che i suoi resti sono stati messi in un'urna e trasportati nella città di Bucaramanga, dove per volontà dello stesso generale, fu creato il cimitero militare della Quinta Brigata, e, come rivelato dal generale, i primi resti sepolti in quel pantheon sono stati quelli di Camilo Torres, ma non ha rivelato la sua esatta posizione.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Oscar Rostgaard, 1969, Quadro dedicato a Camilo Torres dal Cuban OSPAAL organization
Busto di Camilo torres eretto nella Università del Valle
Iscrizione sul busto
  • Il cantautore uruguaiano Daniel Viglietti ha scritto nel 1967 "Croce di Luce", una canzone che parla di Camilo Torres, resa popolare dal cantante cileno Victor Jara.
  • Il cantante cubano Carlos Puebla ha scritto una canzone che parla di Camilo intitolato "Camilo Torres". Anche il cantante venezuelano Ali Primera ha scritto le canzoni "sparse" e "Dio è il rame" che si riferiscono a Camilo Torres.
  • Il cantautore italiano Fausto Amodei ha scritto "Proclama di Camilo Torres", ispirandosi agli scritti Liberazione o morte editi da Feltrinelli nel 1968.
  • Anni dopo fu fondato il movimento "Golconda", che si ispirò all'esempio di Camilo Torres.
  • Nel 1970 nella Repubblica Dominicana è stata fondata CORECATO, che era l'acronimo di Comitato rivoluzionario Camilo Torres . Si trattava di un gruppo rivoluzionario formato da padri della chiesa cattolica e da studenti universitari per affrontare la repressione del governo di Joaquin Balaguer . Tra i suoi membri vi furono Carlos Sanchez che morì per la causa marxista in Perù e Amaury Germán Aristy che venne ucciso dopo una sparatoria con l'esercito e la polizia Dominicana durata più di dieci ore.
  • Nel 1974 fu realizzato un documentario colombiano diretto da Francisco Norden intitolato Camilo, il prete guerrigliero , in cui si i suoi amici più intimi raccontano la sua vita.
  • Il Teatro universitario dell'Università di Antioquia porta il nome di "Teatro universitario Camilo Torres Restrepo".
  • La biblioteca principale della Università nazionale Colombiana con sede a Bogotà, è conosciuta da tutti come "biblioteca Camilo Torres", così come l'auditorium principale della Facoltà di Giurisprudenza.
  • La piazza principale dell'Università di pedagogica e tecnologica di Colombia nella sede di Tunja, viene chiamato "Plaza Camilo Torres Restrepo"
  • A Leuven, in Belgio, dove Camilo ha studiato sociologia per diversi anni, c'è una residenza per studenti presso l'Università Cattolica di Leuven che porta il suo nome, dove vivono più di 400 studenti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 7435808 LCCN: n50016900