Buddhaghosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Thera Bhadantācariya Buddhaghosa (Bodh Gaya, V secoloSri Lanka, V secolo) è stato un monaco buddhista e accademico indiano.

Nato secondo le cronache singalesi[1] vicino a Bodhgayā, nell'attuale Bihar meridionale, nell'India nord-orientale[2], di nome Moraṇḍa-kheṭaka[3], compì i suoi studî nella città di Kāñcī[4], allora la città indiana dove il buddhismo theravāda aveva tra i suoi più importanti centri, e trasferitosi nello Sri Lanka all'epoca del re Mahānāma (410-432), fu riconosciuto come la massima autorità tanto in campo letterario nella lingua pāli quanto in quello esegetico riguardo al canone pāli della scuola del buddhismo theravāda[5], tanto che la sua figura umana e di letterato fu presto circondata da un alone di leggenda.

Fu autore di numerose opere e commentari in lingua pāli dei testi canonici e paracanonici del buddhismo theravāda. A lui sono in particolare attribuiti i testi:

  1. Samantapāsādikā, un commentario del Vinaya Piṭaka, che fu il suo primo commentario[6];
  2. Kankhāvitaranī, un commentario del Pātimokkha del Vinaya Piṭaka;
  3. Sumangalavilāsini, un commentario del Dīgha Nikaya;
  4. Papañcasūdanī, un commentario del Majjhima Nikaya;
  5. Sāratthappakāsinī, un commentario del Saṃyutta Nikaya;
  6. Manorathapūraṇī, un commentario dell'Aṅguttara Nikaya;
  7. Dhammapadaṭṭhakathā, un commentario del Dhammapāda;
  8. Jātakaṭṭhakathā, un commentario delle Jātaka;
  9. Paramatthajatikā, un commentario del Kuddakapātha e del Suttanipāta del Khuddaka Nikaya[7];
  10. Atthasāliṇi, sul Dhammasaṅganī dell'Abhidhamma Piṭaka;
  11. Sammohavinodanī, sul Vibhaṅga dell'Abhidhamma Piṭaka;
  12. Pañcappakaraṇaṭṭhakathā, sugli altri cinque libri dell'Abhidhamma Piṭaka;
  13. Visuddhimagga, il Sentiero per la purificazione, un commentario basato sul Rathavinīta Sutta (la staffetta dei carri) del Majjhima Nikaya (sutta numero 24), considerata l'opera di Buddhagosa più preziosa e la fonte extracanonica più autorevole dell'ortodossia Theravāda[8].

Giunto nello Sri Lanka alla ricerca dei testi più antichi del canone buddhista, partecipe di una reazione da parte di alcuni monaci indiani che riteneva che nei canoni allora esistenti e composti in lingua sanscrita gli insegnamenti originali fossero stati alterati e perduti, vi trovò «non soltanto quella che era evidentemente un'antica recensione del canone pāli, ma anche gli antichi commenti singalesi, che considerò coevi al canone.»[9] Dalle sue traduzioni in lingua singalese di questi testi si avviò il rinascimento letterario e religioso del buddhismo Theravāda nell'isola prima, e nel sudest asiatico dopo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cūlavaṁsa I, cap. XXXVII, v. 215 e p. 22, nota 7, cit. in Lal Hazra, HTB, pag. 64
  2. ^ Il Sāsanavaṃsa riferisce che Buddhaghosa sia nato in un villaggio di brahmini chiamato Ghosagāma, vicino all'albero della Bodhi, Lal Hazra, HTB, pag. 64
  3. ^ Così nel Visuddhimagga, Ceylon Historical Journal, II, pag. 239; Ceylon Journal of Historical and Social Studies, cit. in Lal Hazra, HTB, pag. 64, nota 10
  4. ^ K. Lal Hazra, BBL, pag. 166
  5. ^ Vedasi, ad es., O. Hinüber, 1996, pag. 102, e J. Strong, pag. 75
  6. ^ H. R. Perera, Buddhism in Ceylon, 33, cit. in Lal Hazra, BSL, pag. 171
  7. ^ H. R. Perera, Buddhism in Ceylon, 35, cit. in Lal Hazra, BSL, pag. 171
  8. ^ Così, ad es., Upatissa, pag. XLIII:
    « Il Visuddhimagga è un termine di casa in tutti i paesi theravāda. Nessuno studioso del buddhismo, sia di quello Theravāda che di quello Mahāyāna, non ne ha dimestichezza. »
  9. ^ R. H. Robinson e W. L. Johnson, pag. 126

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kanai Lal Hazra, Buddhism in Sri Lanka (BSL), Delhi, Buddhist World Press, 2008, p. 302, ISBN 978-81-906388-2-1.
  • Kanai Lal Hazra, History of Theravāda Buddhism in South-east Asia (HTB), New Delhi, Munshiram Manoharlal Publishers Pvt., 1981, p. 226, ISBN 81-215-0164-4.
  • Kanai Lal Hazra, Buddhism and Buddhist Literature in Early Indian Epigraphy (BBL), New Delhi, Munshiram Manoharlal Publishres Pvt., 2002, p. 204, ISBN 81-215-1037-6.
  • Upatissa, Arahant, N. R. M. Ehara (trad.); Soma Thera (trad.); Kheminda Thera (trad.), The Path of Freedom (Vimuttimagga), Kandy, Sri Lanka, Buddhist Publication Society, 1995, ISBN 955-24-0054-6.
  • Richard H. Robinson, Willard L. Johnson, La religione buddhista, Roma, Ubaldini editore, 1998, ISBN 88-340-1268-2.
  • (EN) John Strong, Buswell, Jr.; Robert E., Buddhaghosa in Encyclopedia of Buddhism, 2004, p. 75, ISBN 0-02-865910-4.

Controllo di autorità VIAF: 100898544