Bill Emmott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bill Emmott

Bill Emmott (Dulverton, 6 agosto 1956) è un giornalista e saggista britannico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Emmott ha studiato alla Latymer Upper School di Londra e quindi al Magdalen College dell'Università di Oxford dove ha conseguito un PPE (Philosophy, Politics, and Economics).

Corrispondente da Tokyo nel 1980, dal 1993 al 2006 è stato direttore della rivista britannica The Economist e durante tale periodo la rivista ha sempre criticato molto duramente Silvio Berlusconi definendolo "inadatto a governare"[1], posizione che continua a mantenere anche dopo il cambio al vertice.

È il solo vincitore straniero del Premio "È giornalismo".

Il 14 settembre 2010 firma il suo primo editoriale su La Stampa.

È autore del documentario, Girlfriend in a Coma, realizzato con Annalisa Piras, fortemente critico nei confronti di Silvio Berlusconi. Una sua presentazione al MAXXI di Roma, inizialmente prevista per il 13 febbraio 2013, è stata spostata a dopo il voto alle elezioni politiche del 2013. Ciò ha suscitato le critiche dell'autore che ha parlato di censura[2].

Girlfriend in a Coma[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver pubblicato i bestseller Forza, Italia – Come ripartire dopo Berlusconi[3] e Good Italy, Bad Italy, Bill Emmott ha tradotto questa sua urgenza di raccontare il declino italiano in un suo progetto personale.

Nel 2011-2012 è co-autore e narratore del documentario Girlfriend in a Coma, che guarda all’Italia e ai suoi ultimi 20 anni di crisi. Il film è diretto dalla giornalista e regista Annalisa Piras ed è stato prodotto da Springshot Productions[4].

Girlfriend in a Coma nasce dalla profonda esplorazione della società italiana da parte di Emmott, che è voce oggettiva ed esterna insieme a quella della regista, che invece fornisce il punto di un’italiana, una delle tante ad aver lasciato l’Italia durante l’era berlusconiana.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • (curatore, con Rupert Pennant-Rea), The Pocket Economist, Cambridge University Press, Cambridge, 1983, ISBN 0-521-26070-1.
  • The Sun Also Sets: Why Japan Will Not Be Number One, Londra, Simon & Schuster, 1989, ISBN 0-671-69696-3.
  • Japan's Global Reach: The Influences, Strategies, and Weaknesses of Japan's Multinational Companies, Londra, Century, 1991, ISBN 0-7126-4928-X.
  • Asia contro Asia: Cina, India, Giappone e la nuova economia del potere, Rizzoli, 2008.
  • Forza, Italia: come ripartire dopo Berlusconi, Rizzoli, 2010.
  • (con Annalisa Piras), Girlfriend in a Coma, 2012

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sara Bianchi, Berlusconi «inadatto a governare»: The Economist vince la partita, Il Sole 24 Ore, 5 settembre 2008. URL consultato il 5 gennaio 2010.
  2. ^ Emmott contro Maxxi e Ministero della Cultura "'Girlfriend in a coma' rinviata per le elezioni", La Repubblica, 2 febbraio 2013. URL consultato il 2 febbraio 2013.
  3. ^ Forza, Italia. Come ripartire dopo Berlusconi, Rizzoli. URL consultato il 20 maggio 2013.
  4. ^ Official website. URL consultato il 20 maggio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79110581