Ballarò (Palermo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ballarò è un noto mercato storico di Palermo, insieme ad altri denominati Vucciria, Il Capo, Mercato delle Pulci e Lattarini.

Banchi di frutta a Ballarò

Il mercato[modifica | modifica sorgente]

Il mercato si estende da Piazza Casa Professa ai bastioni di corso Tukory verso Porta Sant'Agata. Il mercato è famoso per la vendita delle primizie che provengono dalle campagne del palermitano. Ballarò è il più antico tra i mercati della città[senza fonte], frequentato giornalmente da centinaia di persone, animato dalle cosiddette abbanniate, cioè dai chiassosi richiami dei venditori che, con il loro caratteristico e colorito accento locale, cercano di attirare l'interesse dei passanti. Si presenta come un ammasso di bancarelle assiepate e con la strada invasa dalle cassette di legno che contengono la merce che viene continuamente urlata, abbanniata, cantilenata per reclamizzare la buona qualità e il buon prezzo dei prodotti. Ballarò è un mercato adibito principalmente alla vendita di frutta, ortaggi, verdure, carne e pesce, ma si trovano anche articoli di uso domestico per la cucina e pulizia della casa, come nei mercati del Capo e della Vucciria.

Cibi cotti[modifica | modifica sorgente]

All'interno del mercato i fruttivendoli vendono cibi cotti e cibi da strada, tipici della cucina palermitana, come cipolle bollite o al forno, panelle (frittelle di farina di ceci), cazzilli (crocchette di patate), verdure lesse, polpo e quarume (interiora di vitello).

Onomatopea[modifica | modifica sorgente]

Cuore del quartiere dell’Albergheria, il mercato di Ballarò viene così chiamato da Bahlara, villaggio presso Monreale da dove provenivano i mercanti arabi, o da “Vallaraya”, nome di un re indiano della regione del Deccan.[1]

Secondo altri il nome Ballaro' è di origine tedesca, Ferdinand Ballaro' era il capitano del Re Ferdinando di Aragona a Palermo nel 1400; si dice anche che il mercato si chiama Ballaro' perché la famiglia Ballaro' riscuoteva per conto del Re di Spagna una percentuale sulle vendite dei prodotti alimentari in vendita al mercato di Ballaro'. O anche che, relativamente all'etimologia del nome di questo mercato tipicamente arabo, Ballarò deriverebbe da Souk el Ballarak, mercato degli specchi in arabo.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi treccani.it.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Umberto Balistreri e Carlo Pollaci, I mercati del centro storico di Palermo, Isspe[manca data]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Palermo Portale Palermo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Palermo