Ashigaru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un gruppo di rievocatori vestiti da ashigaru marciano in una parata in memoria della battaglia di Sekigahara.

Gli ashigaru (足軽 piedi leggeri) furono fanti medievali giapponesi. Le prime informazioni riguardanti gli ashigaru risalgono al XIV secolo[1], ma è solo col periodo Ashikaga che il loro uso da parte delle diverse fazioni in lotta tra loro divenne decisivo.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A causa del fatto che usare un arco era una vera arte e i samurai erano imbattibili nell'uso della katana serviva un'arma letale ma facile da usare. Questa arrivò quando i portoghesi introdussero l'archibugio in Giappone e grazie al fatto che erano facili da usare li adottarono come arma principale del proprio armamento. A breve divennero unità di tutto rispetto e Oda Nobunaga disponeva di grandi quantità di ashigaru nel proprio esercito. Con l'avvento dello shogunato Tokugawa, il reclutamento di ashigaru cadde in disuso. All'inizio del periodo Edo fu abbandonato, dopo vari secoli, l'utilizzo di truppe coscritte negli eserciti giapponesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]