Arthur Danto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Arthur Coleman Danto (Ann Arbor, 1º gennaio 1924New York, 25 ottobre 2013) è stato un critico d'arte statunitense.

Dopo aver studiato Arte e Storia alla Wayne State University, si laurea alla Columbia University nel 1952.

È noto per i suoi articoli su riviste come The Journal of Philosohy e The Nation e per le sue numerose pubblicazioni di Filosofia e critica d'arte.

In seguito alla Laurea Honoris Causa in Filosofia[1] che gli è stata conferita nell'ottobre 2007 dall'Università di Torino, sono stati tradotti in italiano alcuni dei suoi libri più importanti: La trasfigurazione del banale (Laterza, 2008), La destituzione filosofica dell'arte (2008), L'abuso della bellezza (2007), Dopo la fine dell'arte (2008), Andy Warhol (2010), Oltre il Brillo Box(2010).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nietzsche as Philosopher (1965)
  • Analytical Philosophy of Action (1973)
  • Jean-Paul Sartre (1975)
  • The Transfiguration of the Commonplace (1981)
  • Narration and Knowledge (1985) - Include il libro precedente Analytical Philosophy of History (1965)
  • Mysticism and Morality: Oriental Thought and Moral Philosophy (1987)
  • Connections to the World: The Basic Concepts of Philosophy (1997)
  • After the End of Art (1997)
  • The Abuse of Beauty (2003)
  • Red Grooms (2004)
  • Andy Warhol (2009)

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Artworld (1964)
  • The End of Art(1984)
  • The Philosophical Disenfranchisement of Art (1986)
  • The State of the Art (1987)
  • Encounters and Reflections: Art in the Historical Present (1990)
  • Beyond the Brillo Box: The Visual Arts in Post-Historical Perspective (1992)
  • Playing With the Edge: The Photographic Achievement of Robert Mapplethorpe (1995)
  • The Wake of Art: Criticism, Philosophy, and the Ends of Taste (1998)
  • The Madonna of the Future: Essays in a Pluralistic Art World (2000)
  • Philosophizing Art: Selected Essays (2001)
  • The Body/Body Problem: Selected Essays (2001)
  • Unnatural Wonders: Essays from the Gap Between Art and Life (2007)

Saggi su Arthur Danto[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., The Philosophy of Arthur C. Danto, Edited by Randall E. Auxier and Lewis Edwin Hahn, Open Court Publishing, 2011
  • Tiziana Andina, Arthur Danto: un filosofo pop, Carocci, 2010 (engl. tr. Arthur Danto: Philosopher of Pop, Cambridge Scholars Publishing, 2011)
  • Daniel Alan Herwitz e Michael Kelly, Action, Art, History: Engagements with Arthur C. Danto, Columbia University Press, 2007
  • Luca Marchetti, Oggetti semi-opachi. Sulla filosofia dell'arte di Arthur Danto, AlboVersorio, Milano 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.labont.it/labont-art/Danto.asp

Controllo di autorità VIAF: 24366 LCCN: n/50/37385