Aron haQodesh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando riguardo al Tempio di Gerusalemme, vedi Arca dell'alleanza.
Aron della sinagoga di Padova.

L'Aron haQodesh o Aron-Ha-Kodesh oppure solo Aron o semplicemente Armadio Sacro è un arredo sacro della religione ebraica, sempre presente all'interno della Sinagoga.

Funzione[modifica | modifica sorgente]

L'Aron ha una grandissima importanza all'interno della sinagoga e per la liturgia ebraica perché è il mobile deputato a contenere il Sefer Torah, i rotoli della legge. Ogni Sabato, durante le funzioni, vengono srotolati e letti. Poi vengono riposti all'interno dell'Aron.

Nell'ebraismo ortodosso l'Aron può essere aperto solo da un uomo.

Posizione[modifica | modifica sorgente]

La tradizione imporrebbe la sistemazione dell'Armadio Sacro a Oriente, o comunque verso la città di Gerusalemme, questa usanza però non sempre è stata seguita, per questo non ha assunto la caratteristica di legge o di imposizione. L'Aron si presenta sia come mobiletto appoggiato alla parete o anche incastonato nel muro.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

L'Aron presenta sempre ante apribili con all'interno i rotoli dei testi sacri.

Il materiale che compone l'Aron è molto variabile: può essere di legno oppure di marmo e può essere più o meno decorato. Tutto questo dipende dalle possibilità economiche della comunità che lo commissiona.

Spesso sopra le ante dell'armadio sacro compaiono scritte in ebraico.

L'Aron di Agira[modifica | modifica sorgente]

L'Aron più antico in Europa di cui oggi si ha notizia, secondo lo studioso Nicolo Bucariasi, si trova ad Agira [1], conservato oggi all'interno della chiesa del SS. Salvatore. Originariamente collocato nella sinagoga di via Santa Croce, diventata dopo la cacciata degli ebrei l'Oratorio della Chiesa di Santa Croce, fino al decennio scorso era considerato distrattamente il resto di un portale, quando nel 1996 sulla rivista della Facoltà Teologica di Sicilia [2] apparve un articolo di Benedetto Rocco che riconosceva in esso l'Aron e decifrava l'iscrizione "Casa di Giacobbe, venite camminiamo alla luce". Con questa iscrizione gli ebrei datavano l'anno in cui era stata costruita: apponendo dei segni grafici sulle ultime lettere vi si attribuiva anche un valore numerico. Il numero così decifrato fu 5214 dalla creazione del mondo, ovvero il 1454.

L'Aron di Urbino[modifica | modifica sorgente]

L’Aron più antico di cui ancora oggi si abbia notizia era situato nella Sinagoga Vecchia di Urbino. Nel 1633, dopo l’istituzione del ghetto anche ad Urbino (causato dall'annessione del Ducato d'Urbino per mancanza di eredi maschi allo Stato Pontificio) ed il conseguente trasferimento della sinagoga, questo venne portato a New York, dove ancora oggi è conservato ed è possibile ammirarlo al Jewish Museum.

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Aron di Agira collocato nella Chiesa del SS.Salvatore

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kalòs, Arte in Sicilia (Anno XIII, n.2 Aprile-Giugno 2001
  2. ^ Ho Theologos 1 (1996) pp129-138

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]