Armosta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Un armosta (in greco antico ἁρμοστής, traslitterato in armostès, "governatore"; da ἁρμόζω = unisco a me, organizzo) era un magistrato, non necessariamente spartano inviato nelle città conquistate, o in qualche modo connesse a Sparta, alla testa di un presidio militare per difendere e sorvegliarle le città alleate o sottomesse.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prima menzione degli armosti risale al 421 a.C., allorché venne insediata una guarnigione spartana ad Anfipoli e nelle città della Tracia che erano state sottomesse da Brasida; fino ad allora non erano state mai insediate delle guarnigioni spartane permanenti.

Sembra tuttavia che l'uso del termine "armosta" sia più antico, e riguardasse inizialmente i magistrati spartani inviati nelle città dei perieci per assicurare la sottomissione di costoro a Sparta.

Gli armosti scomparvero dopo la sconfitta spartana a Leuttra, che pose fine all'egemonia di Sparta nell'antica Grecia e avviò quella di Tebe (371 a.C.).

Compiti[modifica | modifica sorgente]

Gli armosti erano designati dal re o dagli efori; in certi casi erano scelti probabilmente dall'assemblea (l'Apella); disponevano di pieni poteri e rispondevano del loro operato solamente agli efori. Nelle città controllate, per governare, gli armosti si appoggiarono al partito favorevole a Sparta o a governi oligarchici (per esempio: ad Atene sostennero i Trenta tiranni). Dagli elementi locali venivano poi scelti dieci membri per costituire un collegio, detto "decarchia". Non si sa la durata della carica; nel caso di Cerigo gli armosti rimasero in carica un anno.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vincenzo Costanzi, Le costituzioni di Atene e di Sparta. Bari : Giuseppe Laterza e Figli, 1927
  • Karl-Wilhelm von Welwei, Athen und Sparta. Wiesbaden : F. Steiner, 1974