Armand du Paty de Clam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armand du Paty de Clam

Il colonnello Armand Auguste Charles Ferdinand Mercier du Paty de Clam (Parigi, 21 febbraio 1853Versailles, 3 settembre 1916) è stato un ufficiale francese, incaricato dell'arresto e dei successivi interrogatori in carcere del capitano Alfred Dreyfus[1].

Du Paty de Clam aveva competenze in grafologia e fu per questo incaricato di confrontare la scrittura di Dreyfus e quella della lista, nell'ambito del famoso caso Dreyfus. Egli concluse le proprie indagini preliminari sostenendo che i punti comuni bastassero a giustificare un supplemento di inchiesta. Fu dunque il comandante du Paty de Clam[2] a far arrestare Dreyfus il 15 ottobre 1894 con l'accusa di aver passato ai tedeschi informazioni riservate. In seguito, il comandante si rese colpevole di aver redatto un'informativa sul caso, omettendo tutti gli elementi favorevoli a Dreyfus, comprese le opinioni di altri esperti.

Il comandante morì nel 1916 a causa di una ferita ricevuta in battaglia, durante la Grande Guerra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Burns, France and the Dreyfus affair: a documentary history, Palgrave Macmillan, 1999, p. 199.
  2. ^ Alberto Jori, Identità ebraica e sionismo nello scrittore Alberto Cantoni (1841-1904), ed. Giuntina 2005, p. 44.