Arflex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arflex
Stato Italia Italia
Fondazione 1950 a Milano
Gruppo Seven Salotti
Settore Arredamento
Prodotti mobili
Sito web www.arflex.it

La Arflex è un'azienda italiana che produce mobili di design. È parte del gruppo Seven Salotti dal 1995.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Venne costituita nel 1948 a Milano da un gruppo di tecnici provenienti dalla Pirelli: Aldo Bai, Pio Reggiani e Aldo Barassi[1]. Iniziò la produzione basandosi sull'utilizzo di nuovi materiali per le imbottiture (gommapiuma, nastri elastici prodotti da Pirelli). Dopo essere stata acquisita dalla Seven Salotti, il presidente del gruppo divenne Pierantonio Colombo titolare della Seven Salotti [2]

Vi collaborava sin dalla fondazione l'architetto Marco Zanuso[3], che nel 1951 vinse una medaglia d'oro della IX Triennale di Milano, con la poltrona Lady. Nel corso degli anni la collaborazione tra la Arflex e Zanuso produsse altre quattro medaglie d'oro della Triennale (divano letto "Sleep", poltrona "Martingala", poltrona "Fourline" e il divano "IX Triennale").

Nel 1995 la Seven Salotti rilevò il marchio continuando la partecipazione della ditta nel mondo del disegno industriale, e coinvolgendo vari architetti tra i quali Ettore Sottsass, Marco Zanuso e Cini Boeri[senza fonte].

Progettisti[modifica | modifica sorgente]

Tra i progettisti che hanno lavorato per l'azienda:

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Alcuni autori con i suoi prodotti hanno ricevuto riconoscimenti internazionali come: Isao Hosoe (Dune, 1995 The Design Distinction Award), Hannes Wetstein, (Spline premio International Design Award 2002) e Monica Graffeo (Mints, 2004 Premio Young & Design).

Prodotti della Arflex sono esposti nel Museum of Modern Art di New York, nella collezione permanente del design della Triennale di Milano, nel museo permanente del design di Ravenna e la poltrona Fourline è presente sui francobolli di design delle Poste Italiane.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Tra il 1951 e il 1954 la Arflex produsse anche sedili per automobili, da sostituire ai normali sedili di serie, costruiti in gommapiuma e nastri elastici e con fodere asportabili e schienali ribaltabili, progettati da Carlo Barassi (i sedili Mille miglia e Sedile lettino, utilizzabili dalla Fiat Topolino).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • François Burkhardt, Marco Zanuso. Design, Federico Motta Editore, 1994, ISBN 8871790820
  • Aldo Colonnetti (a cura di) Grafica e Design a Milano 1933-2000, Editore Collana AIM - Abitare Segesta Cataloghi, Milano 2001.
  • Tempi Moderni - Franco Mirenzi, Milano 1997 - arflex -
  • Cini Boeri - Architetto e designer - Silvana Editore Milano 2006.
  • catalogo NAMOC national Art mudrum of Cina ' mostra sui 50 anni del desgin italiano' - Arnaldo Mondadori Editore - Gilda Bojardi - Interni 2006.
  • Domenico Scudero Teoria e storia delle arti decorative industriali

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Seven Salotti e Arflex, il profilo delle aziende - Casa & Design
  2. ^ Seven Salotti S.p.A. > Management | Guida Monaci
  3. ^ http://blog.modaedesign.com/2010/10/i-maestri-del-design-marco-zanuso/ Indica l'articolo che forse sia stato socio

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]