Antoine Gizenga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antoine Gizenga

Antoine Gizenga (Mushiko, 5 ottobre 1925) è un politico della Repubblica Democratica del Congo.

Fu, assieme a Patrice Lumumba (suo più grande amico), tra i fondatori della Repubblica del Congo, essendo suo vice primo ministro nel 1961. Con l'avvento di Mobutu fu dapprima arrestato e poi mandato in esilio dal 1965 al 1992, pur rimanendo molto attivo per la causa del Congo-Kishasa. Nel 2006 Joseph Kabila lo nomina primo ministro.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crisi del Congo.

Susseguentemente all'Indipendenza, Gizenga fu attivo come Deputato del Primo Ministro (1960, 1961–62) così come anche Primo Ministro (1960–1961) e Capo di Stato (1961) durante la ribellione. Il suo governo a Stanleyville fu riconosciuto da ventuno stati africani, asiatici ed Europei Orientali nel febbraio del 1961. Fu imprigionato da gennaio 1962 a luglio 1964 e di nuovo da ottobre 1964 a novembre 1965, venendo infine esiliato dal 1965 al 1992.

Tornato nel mondo della politica congolese, il 30 dicembre 2006 è stato nominato Primo Ministro dal Presidente Joseph Kabila, carica dalla quale si è dimesso il 25 settembre 2008 giustificando la decisione con la sua età avanzata. Il suo successore, Adolphe Muzito, è statou nominato da Kabila 10 ottobre successivo. 30 giugno 2009 è stato annunciato che Kabila ha designato Gizenga come un Eroe Nazionale, l'onore più alto del DRC.

Controllo di autorità VIAF: 37848213 LCCN: n/2008/28492