Amerigo Tot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amerigo Tot (Fehérvárcsurgó, 27 settembre 1909Roma, 13 dicembre 1984) è stato uno scultore, attore e pittore ungherese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Amerigo (a sinistra) con Salvador Dalì e Eva Fischer

Nacque a Fehérvárcsurgó, Ungheria e si trasferì a Roma, dove visse per il resto della sua vita. Studiò a Budapest con Ferenc Helbing e György Leszkovszky dal 1926 al 1928 e con László Moholy-Nagy al Bauhaus in Germania fino al 1933. Come i nazisti andarono al potere, si trasferì a Roma e lavorò nella scultura di monumenti alla memoria con uno stipendio della Roman Hungarian Academy, di cui fu anche consigliere. Combatté nella resistenza italiana dal 1943.

Ricevette il primo riconoscimento per il suo lavoro con il fregio della Stazione di Roma Termini. Iniziò a lavorare su opere astratte negli anni cinquanta. Ritornò poi in Ungheria nel 1968 e nel 1969 per eseguire lavori tradizionali, tra cui una scultura della Madonna nella sua città natale. Il Museo Amerigo Tot di Budapest è dedicato a lui.

Negli anni sessanta e settanta fece occasionali comparse in qualche film. È forse meglio conosciuto all'audience internazionale per l'agghiacciante ruolo della guardia del corpo e boia di Michael Corleone ne Il padrino - Parte II. È apparso anche in La moglie più bella (1970) ed in Pulp (1972). Nel 1969, il noto regista magiaro Zoltán Huszárik gli ha dedicato un cortometraggio biografico, Amerigo Tot.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 43268375 LCCN: n/85/091290