Alpi dell'Algovia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alpi dell'Algovia
Continente Europa
Stati Germania Germania
Austria Austria
Catena principale Alpi Bavaresi (nelle Alpi)
Cima più elevata Großer Krottenkopf (2.657 m s.l.m)

Le Alpi dell'Algovia (in tedesco Allgäuer Alpen) sono una sottosezione delle Alpi Bavaresi. La vetta più alta è il Großer Krottenkopf che raggiunge i 2.657 m s.l.m.[1].

Si trovano in Germania (Baviera e Baden-Württemberg) e in Austria (Vorarlberg e Tirolo).

Prendono il nome dall'Algovia, regione geografica della Germania.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Le Alpi dell'Algovia secondo l'AVE sono individuate dal numero 2.

Secondo la SOIUSA le Alpi dell'Algovia sono una sottosezione alpina con la seguente classificazione:

Secondo l'AVE costituiscono il gruppo n. 2 di 75 nelle Alpi Orientali.

Delimitazioni[modifica | modifica sorgente]

Le Alpi dell'Algovia:

Suddivisione[modifica | modifica sorgente]

Alpi dell'Algovia


In accordo con le definizioni della SOIUSA le Alpi dell'Algovia si suddividono in cinque supergruppi, quattordici gruppi e ventotto sottogruppi[2]:

  • Monti della Walsertal (A)
    • Catena Widderstein-Schafalpen (A.1)
    • Catena Hoher Ifen-Heiterberg (A.2)
      • Baader Bergumrahmung (A.2.a)
      • Schwarzwasserberge (A.2.b)
        • Costiera del Didamskopf (A.2.b/a)
        • Costiera dell'Hoher Ifen (A.2.b/b)
  • Prealpi Occidentali dell'Algovia (B)
    • Catena Besler-Hittisberg (B.3)
    • Catena del Riedberg (B.4)
    • Allgäuer Molasseberge (B.5)
      • Costiera dello Sipling (B.5.a)
      • Nagelfluhkette (B.5.b)
      • Monti del Weißbach(B.5.c)
        • Costiera dell'Himmeleck (B.5.c/a)
        • Costiera dell'Hochstraß (B.5.c/b)
      • Monti di Rotach (B.5.d)
  • Alpi dell'Algovia in senso stretto (C)
    • Catena Mädelegabel-Hochlicht (C.6)
      • Alpi di Rappen (C.6.a)
      • Gruppo Hochlicht-Peischel (C.6.b)
      • Gruppo del Mädelegabel (C.6.c)
        • Costiera del Mädelegabel (C.6.c/a)
        • Himmelschrofenzug (C.6.c/b)
    • Catena Kruttenspitze-Höfats (C.7)
      • Gruppo del Kruttenspitze (C.7.a)
      • Gruppo dell'Höfats (C.7.b)
    • Gruppo del Krottenkopf (C.8)
    • Catena Hochvogel-Roßzahn (C.9)
      • Gruppo del Wilden (C.9.a)
      • Gruppo del Hochvogel (C.9.b)
      • Gruppo del Roßzahn (C.9.c)
    • Gruppo del Daumen (C.10)
      • Catena dello Schneck (C.10.a)
      • Catena del Nebelhorn (C.10.b)
      • Catena del Daumen (C.10.c)
    • Catena Rauhorn-Leilach (C.11)
      • Cresta del Rauhorn (C.11.a)
      • Gruppo del Vilsalpsee (C.11.b)
  • Prealpi Orientali dell'Algovia (D)
    • Monti di Pfrontn (D.12)
      • Monti di Wertach (D.12.a)
        • Costiera del Wertach (D.12.a/a)
        • Costiera del Grünten (D.12.a/b)
        • Costiera del Edelsberg (D.12.a/c)
      • Catena del Vilser (D.12.b)
  • Monti del Tannheim (E)
    • Gruppo del Tannheim (E.13)
      • Gruppo principale del Tannheim (E.13.a)
      • Gruppo orientale del Tannheim (E.13.b)
      • Gruppo settentrionale del Tannheim (E.13.c)
    • Gruppo occidentale del Tannheim (E.14)
      • Gruppo dello Sefenspitz (E.14.a)
      • Costiera Aggenstein-Roßberg (E.14.b)
      • Costiera Schönkahler-Einstein (E.14.c)
      • Costiera del Kienberg (E.14.d)

Vette principali[modifica | modifica sorgente]

I monti principali sono:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ È anche la vetta più alta di tutte le Alpi Bavaresi.
  2. ^ Tra parentesi vengono riportati i codici SOIUSA dei supergruppi, gruppi e sottogruppi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna