Alfred de Glehn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alfred George de Glehn (Sydenham, 15 settembre 1848Mulhouse, 8 giugno 1936) è stato un ingegnere francese, inventore e progettista di locomotive a vapore e ingegnere della Société Alsacienne de Constructions Mécaniques (SACM). Fu ideatore di un sistema di locomotiva compound che da lui prende nome; il suo motore a 4 cilindri venne ideato e prodotto in serie a partire dal 1890. I suoi progetti di "compound" furono largamente utilizzati nella costruzione di locomotive in Francia e trovarono posto anche in locomotive costruite in Belgio, Prussia, Nuova Zelanda e Russia.

U-127 la Locomotiva De Glehn compound di Lenin (rodiggio 2-3-0) al Museo ferroviario di Mosca.

Alfred era uno dei 12 figli di Robert von Glehn che dalle province del Baltico si era trasferito in Inghilterra ed aveva sposata una scozzese. In Gran Bretagna la famiglia aveva cambiato il proprio cognome da von Glehn a de Glehn nel 1917.

Alfred de Glehn acquisì le sue conoscenze tecniche al Politecnico a Zurigo. Verso la fine del 1872 cercò senza successo di inserirsi nella società di ingegneria alsaziana, pochi mesi dopo la fusione degli Stabilimenti Koechlin di Mulhouse e di Graffenstaden. Fu Edouard Beugniot, direttore delle Divisione Locomotive che inserì de Glehn, per un anno e senza stipendio, come disegnatore nell'ufficio progettazione di locomotive. Nel 1875 Alfred Glehn fu nominato capo del dipartimento. Prima di morire Edouard Beugniot ottenne la nomina di Alfred de Glehn a direttore.

Nel 1884 su richiesta di Gaston du Bousquet, ingegnere capo della Compagnie du Nord, studiò la soluzione dei problemi riscontrati sulle locomotive che accusavano la rottura degli assi. Il risultato fu che Alfred Glehn, studiato il problema, propose una locomotiva con soluzioni tecniche del tutto rivoluzionarie costruita a suo totale rischio di riprendersi la macchina se non fosse stata soddisfacente. La locomotiva, la NORD 701, fu un successo nonostante alcune carenze ma diede luogo a tutta una serie di dispositivi. Le sue locomotive concentravano insieme eleganza e alte prestazioni; usate dalla "ferrovia del Nord" destarono sensazione per la loro velocità nei passeggeri che, sbarcati a Calais, proseguivano su Parigi.

Nel 1886 fu nominato amministratore delegato della SACM, così Alfred Glehn si trovò alla guida del Dipartimento locomotive, responsabile per l'amministrazione generale della società oltre che alla fabbrica di Belfort. Nel 1888 concluse un accordo con la Siemens AG di Berlino, allora specialista per tutto ciò che riguardava l'energia elettrica e la "Belfort" si impegnò nella costruzione di macchine elettriche su licenza Siemens.

Il sistema a doppia espansione (Compound) iniziò a perdere la sua valenza dall'inizio del XX secolo in seguito allo sviluppo della tecnica del surriscaldamento.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]