Alan Guth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alan Guth

Alan Guth (New Brunswick, 27 febbraio 1947) è un fisico e cosmologo statunitense.

Guth ha fatto ricerche nell'ambito della teoria delle particelle elementari e su come questa teoria sia applicabile nei primi istanti di vita dell'Universo.

Guth sviluppò per la prima volta l'idea di inflazione nel 1979 alla Stanford University dopo aver assistito ad una lezione di Robert Dicke sul Big Bang.[1][2] Nel 1981 propose formalmente l'idea dell'inflazione cosmica: un universo nascente passa attraverso una fase di espansione esponenziale che fu guidata da una densità di energia del vuoto positiva (pressione del vuoto negativa). Nel 2006 i risultati di WMAP hanno prodotto dati che non sono in disaccordo con le predizioni teoriche dell'inflazione. Nel 2014 i risultati di BICEP2 hanno prodotto dati che potrebbero confermare le predizioni teoriche se convalidati da ulteriori esperimenti o analisi attualmente in atto (vedi Planck Surveyor[3][4][5]). La critica fondamentale[6] alla teoria dell'Inflazione è se sia una teoria falsificabile o meno (principio di falsificabilità).

Guth è Victor F. Weisskopf Professor of Physics al Massachusetts Institute of Technology.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1998 - L'universo inflazionario: La domanda per una nuova teoria delle origini del Cosmo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alan H. Guth, The Inflationary Universe, Reading, Massachusetts, Perseus Books, 1997, ISBN 0-201-14942-7.
  2. ^ SLAC seminar, "10-35 seconds after the Big Bang", 23 January 1980. see Guth (1997), pg 186
  3. ^ Media INAF: Inflazione: c'è la prova
  4. ^ Obiettivi chiave del satellite Planck. URL consultato il 18 marzo 2014.
  5. ^ Another piece of the puzzle about the origin of the cosmos is now being analysed. URL consultato il 18 marzo 2014.
  6. ^ Theories of Anything - P. Steinhardt|accesso=24 marzo 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 39551736 LCCN: n82109092