Aishwarya Rajya Lakshmi Devi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Aishwarya Rajya Lakshmi Devi (ऐश्वर्या राज्य लक्ष्मी देवी - Aiśvaryā Rājya Lakṣmī Devī; Lazimpat, 7 novembre 1949Katmandu, 1 giugno 2001) fu regina del Nepal.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Lazimpat, presso Kathmandu, il 7 novembre 1949 e, dopo essersi formata presso alcune rinomate scuole cattoliche nepalesi ed indiane, il 27 febbraio 1970 sposò a Katmandu il principe ereditario Birendra Bir Bikram Shah Dev. A seguito della morte del re Mahendra nel 1972, Aishwarya divenne regina del Nepal e fu incoronata insieme al marito nel Palazzo di Hanuman tre anni più tardi.

Dal matrimonio nacquero due figli ed una figlia: Dipendra, Nirajan e Shruti, tutti morti nel massacro del 1º giugno 2001.

La Regina ebbe una parte importante nella vicenda legata all'ostacolato fidanzamento dell'allora principe ereditario Dipendra con Devyani Rana, appartenente ad un prestigioso ramo trapiantato in India della stessa famiglia della Regina. Secondo alcuni, Aishwarya riteneva che la ragazza amata dal figlio avesse un carattere troppo forte ed indipendente, il che avrebbe limitato l'influenza dei membri anziani della famiglia Reale. Inoltre la Regina temeva che Devyani non fosse in grado di dare discendenza maschile al figlio, mentre gli astrologi l'avevano avvisata che un matrimonio di Dipendra prima dei 35 anni avrebbe portato gravi disastri.

Secondo la versione ufficiale, l'impedimento delle nozze sarebbe stata la ragione che avrebbe spinto il giovane Dipendra a massacrare, in una notte di follia e disperazione, buona parte della sua famiglia, tra cui i fratelli e i genitori: Aishwarya morì nel Palazzo Narayanhiti di Katmandu il 1º giugno 2001, ultima vittima della strage. Sulla reale dinamica della strage e su presunte responsabilità di alcuni membri della famiglia reale tuttavia è in corso da anni in Nepal un ampio dibattito.

Le è succeduta al titolo di regina una sorella, Komal, fino alla trasformazione del Nepal in repubblica.

Le tre sorelle Rana[modifica | modifica wikitesto]

Aishwarya era sorella della ex regina Komal e della principessa Prekshya, figlie del luogotenente generale Kendra Shamsher Jang Bahadur Rana e della Rani Sri Rajya Lakshmi Devi, principessa cadetta della famiglia Reale nepalese.

Le tre principesse della famiglia Rana hanno sposato i tre figli del re Mahendra Bir Bikram Shah Dev: Birendra, Gyanendra e Dhirendra; di questi tre, i primi due sono stati a loro volta regnanti.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze nepalesi [1][modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine di Ojaswi Rajanya - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine di Ojaswi Rajanya
— 3 marzo 1972
Decorazione d'onore del Nepal - nastrino per uniforme ordinaria Decorazione d'onore del Nepal
— 24 febbraio 1975
Medaglia dell'Investitura del re Birendra - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Investitura del re Birendra
— 24 febbraio 1975
Membro dell'Ordine del Braccio Destro Gurkha - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine del Braccio Destro Gurkha
— 1975
Medaglia del giubileo d'argento del re Birendra - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento del re Birendra
— 31 gennaio 1997
Membro dell'Ordine della Stella del Nepal - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine della Stella del Nepal
— 27 marzo 1999
Membro dell'Ordine dell'orma del Nepal - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'orma del Nepal

Onorificenze straniere [2][modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
— 17 ottobre 1989
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
— 1988
Dama di Stella con Fascia dell'Ordine della grande stella di Jugoslavia (Jugoslavia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Stella con Fascia dell'Ordine della grande stella di Jugoslavia (Jugoslavia)
— 2 febbraio 1974
Dama di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Francia)
— 1983
Dama di Gran Croce dell'Ordine del 23 agosto (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine del 23 agosto (Romania)
— 1987
Dama di Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo (Giappone)
— 1975
Dama di II Classe dell'Ordine di Nishan-e-Imtiaz (Pakistan) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di II Classe dell'Ordine di Nishan-e-Imtiaz (Pakistan)
— 1983
Dama di Gran Cordone dell'Ordine del Milione di Elefanti e del Parasole Bianco (Regno del Laos) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Cordone dell'Ordine del Milione di Elefanti e del Parasole Bianco (Regno del Laos)
— 1970
Dama di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— Ottobre 1986
Fascia di Dama dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Fascia di Dama dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 17 settembre 1983[3]
Fascia di Dama dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Fascia di Dama dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 13 novembre 1987[4]
Dama di Gran Cordone dell'Ordine di Chula Chom Klao (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Cordone dell'Ordine di Chula Chom Klao (Thailandia)
— 1979

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Prakash A.Raj (2001), "Kay Gardeko?" - The Royal massacre in Nepal, Rupa & Co., New Delhi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Royal Ark
  2. ^ Royal Ark
  3. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  4. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie