Agapios III Matar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agapios III Matar
patriarca della Chiesa cattolica
Nato 1736 a Damasco
Consacrato vescovo 1795
Elevato patriarca 11 settembre 1796 (eletto)
24 luglio 1797 (confermato)
Deceduto 2 febbraio 1812 a Ain Traz

Agapios Matar (Damasco, 1736Ain Traz, 2 febbraio 1812) è stato arcieparca di Sidone e sesto patriarca della Chiesa melchita con il nome di Agapios III.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Agapios Matar nacque a Damasco in Siria nel 1736. Entrò da giovane nell'Ordine Basiliano del Santissimo Salvatore. Nel 1779, quando era già prete, si recò a Roma e poi a Parigi. Nel 1789 fu nominato superiore generale dell'Ordine Basiliano. Nel 1795 fu nominato e consacrato dal patriarca Kyrillos VII Siage arcieparca di Sidone.

Alla morte di Kyrillos VII, Agapios fu eletto nuovo patriarca l'11 settembre 1796 e confermato dalla Santa Sede il 24 luglio 1797.[1]

Appena eletto, il nuovo patriarca dovette affrontare la questione del vescovo Youssef Sarrouf di Beirut ed il suo tentativo dapprima di riformare gli ordini monastici melchiti e poi di fondare un nuovo ordine. Agapios si oppose decisamente ai tentativi di Sarrouf, ma solo l'intervento di Roma risolse d'autorità la crisi.

In quegli anni, la Chiesa melchita era alla ricerca della propria identità in rapporto alla Chiesa latina e alla Santa Sede. Il patriarca ottenne da Propaganda Fide di proibire ai Francescani di promuovere il loro Terz'Ordine tra i Melchiti e in seguito ottenne che al Custode di Terra Santa fosse vietato di amministrare il sacramento della confermazione ai fedeli di rito non latino.

Nel 1806 convocò a Qarqafé un sinodo della Chiesa melchita, che più tardi sarà condannato dalla Santa Sede con la bolla Melchitarum catholicorum, perché improntato alle idee giansenistiche di Scipione de' Ricci condivise da Germanos Adam (arcieparca di Aleppo), e ad altri errori teologici.

Nel 1811 Agapios fondò il seminario per i preti secolari melchiti a Ain Traz ed affidò la direzione a Michel Mazloum, futuro patriarca. Morì in questo seminario il 2 febbraio 1812.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bullarium pontificium Sacrae Congregationis de Propaganda Fide, vol. IV, pp. 244-247.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Patriarca di Antiochia dei Melchiti Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Kyrillos VII Siage 24 luglio 1797 - 2 febbraio 1812 Ignatios IV Sarrouf
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie