Afeni Shakur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Afeni Shakur, a destra.

Afeni Shakur Davis nata Alice Faye Williams (Lumberton, 22 gennaio 1947) è un'attivista e filantropa statunitense. [1] Madre del defunto rapper Tupac Shakur, dopo la sua uccisione nel 1996, l'anno seguente fondò la Tupac Amaru Shakur Foundation, un'associazione senza scopi lucrativi per l'aiuto e il sostegno delle famiglie povere e dei giovani afroamericani per allontanarli dalla realtà delle bande di strada.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli anni cinquanta e sessanta, quando negli Stati Uniti era in pieno corso il movimento dei diritti civili per gli afroamericani, Afeni Shakur entrò a far parte del gruppo rivoluzionario per la lotta armata delle Pantere Nere.

Il 16 giugno 1971 al New York University Hospital dà alla luce Lesane Parish Crooks, dopo un'intera gravidanza passata dietro il carcere per aver piazzato un ordigno esplosivo in un edificio newyorkese; rilasciata circa un mese prima del parto. Qualche tempo dopo la nascita del piccolo, Billy Garland, compagno di Afeni e padre naturale del neonato, li abbandona. Mutulu Shakur, padrino di Lesane e primo marito di Afeni, riprende i contatti con la ex moglie e assisterà i due da quel momento.[2]

All'età di sei anni, il piccolo Lesane verrà ribattezzato "Tupac Amaru Shakur", (da tupac che in quechua vuol dire serpente lucente e da shakur che in arabo vuol dire riconoscente a Dio), in onore di Túpac Amaru II, capo di una rivolta in Perù contro i colonizzatori spagnoli nel XVII secolo e discendente dell'imperatore inca Túpac Amaru.[3]

Nel 1986, Afeni e Tupac si trasferiscono a Baltimora, e due anni più tardi a Marin City.[3]

Causa contro Death Row Records[modifica | modifica wikitesto]

Cause legali che hanno avuto successo: sono state vinte dai rappresentanti di Tupac Shakur per acquisire i diritti d'immagine di Tupac, ciò significa che Afeni riceverà i diritti dalle magliette, poster, cappelli, e così via. Inoltre i rappresentanti di Tupac hanno vinto una petizione contro la Death Row per entrare in possesso dei diritti delle canzoni non ancora pubblicate. Una causa di 7 milioni e 100.000 dollari è stata fatta invece dalla Death Row, la quale chiedeva il rimborso per i prestiti in denaro che Tupac, secondo l'accusa, ha usato per automobili, case, gioielli e altre spese. La madre di Tupac ha messo in piedi una contro-petizione di 41 pagine accusando invece la Death Row di aver depredato Tupac di 50 milioni di dollari per mantenere gli stravaganti stili di vita del C.E.O. della Death Row Marion “Suge” Knight e di altri produttori.

Causa contro la Morgan Creek[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 è stata impegnata in una causa legale contro la compagnia di produzione cinematografica Morgan Creek riguardo alla realizzazione di un film per il grande schermo sulla figura del figlio scomparso proprio da parte di quest'ultima.[4]

Arresto per possesso di droga[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 aprile 2010, all'età di 63 anni, è stata arrestata a Lumberton, sua città natale, dopo un normale controllo a un posto di blocco con l'accusa di possesso di marijuana e controllo del veicolo sotto effetto di tale sostanza. In seguito, è uscita su una cauzione di 10mila $, ma ha dovuto presentarsi alla Corte Distrettuale di Robeson County il 10 maggio.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jasmine Guy, Afeni Shakur: Evolution of a Revolutionary, New York, Atria Books, 2004, p. 5.
  2. ^ www.tupacshakur.it - biografia
  3. ^ a b 2paclegend - The World of Tupac Shakur aka 2Pac aka Makaveli
  4. ^ a b (EN) Tupac's Mom, Afeni Shakur, Arrested For Drug Possession. MTV, 27-04-2010 (ultimo accesso il 11-08-2010).

Controllo di autorità VIAF: 18323810