Aarón Galindo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aarón Galindo
Dati biografici
Nome Aarón Galindo Rubio
Nazionalità Messico Messico
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Santos Laguna Santos Laguna
Carriera
Squadre di club1
2002-2006 Cruz Azul Cruz Azul 102 (7)
2006 Hercules Hércules 7 (0)
2007 Grasshoppers Grasshoppers 15 (2)
2007-2009 E. Francoforte E. Francoforte 32 (0)
2009-2011 Guadalajara Guadalajara 39 (3)
2011- Santos Laguna Santos Laguna - (-)
Nazionale
2004- Messico Messico 17 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 giugno 2011

Aarón Galindo Rubio (Città del Messico, 8 maggio 1982) è un calciatore messicano, difensore del Santos Laguna.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Esordisce come professionista nel 2002 con la maglia del Cruz Azul, squadra nella quale aveva iniziato a giocare sin da bambino. Grazie all'ottimo rendimento guadagna anche un posto in nazionale messicana. Nell'estate del 2006, approda in Europa vestendo la maglia dell'Hércules. Nella squadra spagnola trova poco spazio, guadagnando più volte la panchina, con solo 7 presenze in campionato. Nella sessione di mercato successiva decide così di passare al Grasshopper. Trova il suo primo gol, con la maglia biancoblu, il 17 febbraio 2007 contro il Thun. Nonostante la bontà dell' esperienza svizzera, nell'estate firma un biennale con Eintracht Francoforte. Nel 2009, ritorna in America Latina, nuovamente in Messico, stavolta con la maglia viola del Guadalajara con un contratto quadriennale. Il 28 febbraio 2009 segna un gol nel 5-0 contro il Pachuca. Dal 7 giugno 2011 milita nel Santos Laguna.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

La prima presenza in nazionale di Galindo risale al 2004. Quell' anno viene convocato anche per l'Olimpiade di Atene 2004 da ct La Volpe. Guadagna poi il quarto posto in FIFA Confederations Cup 2005 l'anno successivo. A causa della positività ai test anti-droga, la Federazione Messicana lo banna per un anno dalle competizioni calcistiche. Per questo motivo non viene convocato in nazionale per i Mondiali di calcio 2006, perdendo così anche visibilità a livello internazionale.