Živa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Siwa dea Polaborum. La dea Živa in un'incisione del 1740

Nella mitologia slava Živa (pronuncia /ʒiva/), anche Šiva (pronuncia /ʃiva/), Siva, Siwa, Żiwia, Sieba o Razivia, era la dea dell'amore e della fertilità. È spesso rappresentata come una giovane donna con i capelli lunghi. Prima della diffusione del Cristianesimo era venerata soprattutto nel territorio oggi ricompreso tra Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Germania (in particolare la valle del fiume Elba).

Il suo nome significa vivere, essere, esistere. Il compagno di Sieba era Siebog, il suo equivalente maschile. Insieme a Rod, la divinità più antica del pantheon slavo, personificazione del destino e del fato, forma una coppia divina spesso simboleggiata da una colomba.

  • In Russia si festeggia il 1º maggio, giorno di Zhivin (Živa è forma abbreviata del nome Zhivena o Ziewonia, che significa "dare vita") la dea della vita, della primavera, della fertilità, della nascita, del granoturco. Figlia di Lada, e moglie di Dazhbog. Dea della primavera e della vita in tutte le sue manifestazioni.
  • Nella Cronica Slavorum del Venerabile Helmoldo Presbitero è descritta come Siwa dea Polaborum, insieme a Prove deus Aldenburgensis terrae e Radigast deus terrae Obotritorum. [1]
  • La prima descrizione della divinità è in Saxon Chronicles: «Unde de assdodine de heyt de hodde de hende ouer ruggen. In der eynen hant hadde se eynen guelden appel. In der eynen hant hadde se eynen guelden appel. Unde in der anderivi hant hadde se ein wyn druuelen mil еу() Unde in der anderivi hant hadde se ein wyn druuelen mil ey() gronen blade un oere hare hangede oer went in de waden gronen blade un oere hare hangede oer went in de waden».
  • Nel manoscritto medievale Mater Verborum (conservato presso la Biblioteca del Museo Nazionale Ceco dal 1818, dono del conte Kolowrat Breznetskoy) la dea Siwa è fatta corrispondere alla romana Cerere, dea della fertilità: Ceres, fruges, frumentum, vel dea frumenti: siua, Dea frumenti, Ceres: Sius [2].
  • Per il polacco J. Dlugosz Givet, Zywye è la divinità della vita, così come per il serbo Abramo Frenzel che la definisce Siwa Polon. Zyvvie, Dea Vita. Infine, per l'autore polacco-lituano Maciej Stryjkovsky si collega al dio del vento e a quello del tempo, dio del giorno luminoso e della felicità.

Non deve essere confusa con la divinità hindu Shiva.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • F. Dvornik, Gli Slavi, Padova 1974
  • Cronaca degli anni passati (XI - XII secolo), a cura di A. Giambelluca Kossova, Torino 2005
  • Il canto dell'impresa di Igor, a cura di E. Bazzarelli, Milano 1991
  • C. Białczyński, Mitologia słowiańska. Księga tura, Kraków 2000
  • C. Białczyński, Stworze i zdusze czyli starosłowiańskie boginki i demony, Kraków 1993
  • A. Brückner, L. Niederle, K. Kadlec, Początki kultury Słowiańskiej, Kraków 1912.
  • Z. Dołęga Chodakowski, O Sławiańszczyźnie przed chrześcijaństwem i inne pisma, Warzszawa 1967
  • A. Gieysztor, Mitologia Słowian, Warszawa 1982
  • H. Łowmiański, Religia Słowian i jej upadek, Warszawa 1986
  • A. Szyjewski, Religia Słowian, Kraków 2004
  • Strzelczyk Jerzy, Mity, podania i wierzenia dawnych Słowian| wydawca, Poznań, 2007. (isbn 978-83-7301-973-7)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ De ritu Slavorum. Capitulum LII Cronica Slavorum Edita a Venerabili Helmoldo Presbitero
  2. ^ Friedrich Wigger: Berno, der erste Bischof von Schwerin, und Meklenburg zu dessen Zeit. In: Verein für Mecklenburgische Geschichte und Altertumskunde: Jahrbücher des Vereins für Mecklenburgische Geschichte und Altertumskunde. - Bd. 28 (1863), S. 3-278