Zuppa d'orzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zuppa d'orzo
Gerstensuppe
Krupnik zupa.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige
Zona di produzioneAlto Adige
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principaliorzo
 

La zuppa d'orzo o anche nota come Gerstensuppe è una zuppa d'orzo (Hordeum vulgare) tipica nel Tirolo storico e quindi in Alto Adige.[1][2]

La zuppa d'orzo può contenere verdure, cereali e carne che la rende un piatto sostanzioso che potrebbe essere considerato un piatto unico. In Alto Adige è molto apprezzato dai contadini, soprattutto durante il periodo autunnale, dove si festeggia mediante il Törggelen.

Naturalmente ne esistono alcune varianti, ma tutte hanno in comune l'utilizzo dell'orzo.

Ricetta[modifica | modifica wikitesto]

Una zuppa d'orzo

In generale gli ingredienti per quattro persone:[3]

  • 1 cipolla tagliuzzata
  • 30 g di carote, sedano e patate
  • 100 g di pancetta affumicata o speck
  • 100 g di orzo perlato
  • 2 l di brodo di carne
  • un po' di burro
  • 1 foglia di timo
  • erba cipollina

La sua preparazione è alquanto semplice; dopo aver fatto soffriggere la cipolla nel burro, si aggiungono le verdure e l'orzo in modo che possano abbrustolire. Si aggiunge mano a mano il brodo e del timo e si lascia cuocere per un'ora. Dopodiché si taglia la pancetta e le patate e le si immergono nella zuppa dove devono cuocere altri 20 minuti; infine assaggiare per eventuali correzioni di sale e pepe e aggiungere dell'erba cipollina e quindi servire in tavola ancora calda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gerstensuppe su tirolo.com
  2. ^ Gerstensuppe su Gallorosso.it
  3. ^ Gerstensuppe su giallozafferano.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Herings Lexikon der Küche. Fachbuchverlag Pfannenberg, Haan-Gruiten, 23. Auflage 2001, ISBN 3-8057-0470-4
  • (DE) Erhard Gorys: Das neue Küchenlexikon. dtv, Monaco 1994–2002, ISBN 3-423-36245-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]