XV settore di copertura Pusteria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Vallo Alpino in Alto Adige.

XV Settore di Copertura Pusteria
Vallo Alpino in Alto Adige
Opera 22.1 Versciaco.jpg
Feritoia dell'opera 22, sbarramento Versciaco
Localizzazione
Stato Italia Italia
Stato attuale Italia Italia
Regione Suedtirol CoA.svg Alto Adige
Val Pusteria
Informazioni generali
Tipo Settore difensivo
Costruzione anni trenta-1943
Materiale cemento, acciaio
Primo proprietario Ministero della guerra italiano
Condizione attuale Abbandonato
Proprietario attuale Provincia autonoma di Bolzano
Visitabile con cautela
Informazioni militari
Utilizzatore GaF - Alpini d'Arresto
Funzione strategica Controllo della Val Pusteria
Termine funzione strategica Dapprima nel 1945, poi nel 1992
Occupanti GaF, Alpini d'Arresto
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il XV Settore di Copertura Pusteria è uno dei sette settori in cui venne diviso il Vallo Alpino in Alto Adige, questo settore si estende dal confine est con l'Austria, dalla frazione di Prato alla Drava di San Candido, percorrendo verso ovest l'intera val Pusteria, ovvero fino a Rio di Pusteria, articolandosi su un territorio montuoso, seguendo il corso del fiume Rienza, fino alla sua foce nell'Isarco.

Direttrici[modifica | modifica wikitesto]

Questo settore comprendeva le seguenti direttrici:

Progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto della fortificazione del I sistema difensivo, quello al confine con l'Austria comprendeva le opere di fondovalle degli sbarramenti di Prato alla Drava e Versciaco, con funzione anticarro e una fascia periferica lungo le creste di confine.

Seguivano poi il II e il III sistema difensivo, fino ad arrivare alla fine della val Pusteria.

Nel dopoguerra, dopo il 1945 vennere nuovamente riattivati e completati con nuove armi e nuove strutture alcuni sbarramenti, tra cui:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ITDE) Josef Urthaler, Christina Niederkofler; Andrea Pozza, Bunker, 2ª ed., editore Athesia, 2006 [2005], pp. 244 pagine, ISBN 88-8266-392-2.
  • Alessandro Bernasconi, Giovanni Muran, Le fortificazioni del Vallo Alpino Littorio in Alto Adige, Trento, editore Temi, maggio 1999, pp. 328 pagine, ISBN 88-85114-18-0.
  • Alessandro Bernasconi, Giovanni Muran, Il testimone di cemento - Le fortificazioni del "Vallo Alpino Littorio" in Cadore, Carnia e Tarvisiano, Udine, editore La Nuova Base Editrice, maggio 2009, pp. 498 pagine + CD con allegati storici e tecnici, ISBN 86-329-0394-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]