Westinghouse J46

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Westinghouse J46
Descrizione
Costruttore Stati Uniti Westinghouse
Tipo turbogetto
Compressore assiale a 12 stadi
Turbina 2 stadi
Dimensioni
Lunghezza 5 m (198 in)
Diametro 0,86 m (34 in)
Rapporti di compressione
del compressore 6:1
Peso
A vuoto 952,5 kg (2100 lb)
Prestazioni
Spinta 20,46 kN (4600 lbf)
27,13 kN (6 100 lbf) con postbruciatore
Utilizzatori F2Y Sea Dart
F7U Cutlass
Note
dati per la versione J46-WE-8 tratti da[1] [2][3]
voci di motori presenti su Wikipedia

Il Westinghouse J46 era un motore aeronautico turbogetto dotato di postbruciatore sviluppato negli anni cinquanta per diversi aeroplani della United States Navy.

Sviluppo e tecnica[modifica | modifica sorgente]

Il J46 venne disegnato come versione ingrandita (di circa il 50%) e potenziata del motore J34, specificatamente progettata per l'F3D-2 Skyknight. Il programma di sviluppo, però, incontrò diversi problemi tra cui la scarsa affidabilità del propulsore e instabilità della combustione ad alta quota.[2][4]

Il motore era costituito da 12 stadi di compressore assiale collegati da un singolo albero a due stadi di turbina. La camera di combustione era di tipo anulare. A valle della turbina il motore proseguiva con un postbruciatore ed un ugello a geometria variabile.[2]

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • J46-WE-3 - versione senza postbruciatore da 18,14 kN (4080 lbf) di spinta sviluppato inizialmente per il Douglas F3D Skyknight
  • J46-WE-4 - versione senza postbruciatore da 20 kN (4500 lbf) di spinta
  • J46-WE-8, -8A - installato sul F7U Cutlass, da 20,46 kN di spinta (27,13 kN con postbruciatore)
  • J46-WE-12 - variante per l'idrocaccia F2Y Sea Dart. Era dotato di un spruzzatori di acqua dolce per rimuovere i depositi di sale dal motore al termine delle missioni.[5]
  • J46-WE-18 - versione proposta (e mai costruita) da 27,1 kN, per equipaggiare l' A2U Cutlass (variante dell'F7U)[5]

Velivoli utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Altre applicazioni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Élodie Roux, Turbofan and Turbojet engine database handbook, Éditions Élodie Roux, 2007, pag. 237-238, ISBN 978-2-9529380-1-3.
  2. ^ a b c (EN) Aero Engines 1954 in Flight International. URL consultato il 31 maggio 2011.
  3. ^ (EN) Westinghouse Turbojets in Flight International. URL consultato il 31 maggio 2011.
  4. ^ (EN) Vectorsite.net The Douglas F3D Skyknight. URL consultato il 31 maggio 2011.
  5. ^ a b (EN) Aero Engines 1956 in Flight International. URL consultato il 31 maggio 2011.
  6. ^ Cady, Steve (1965). Californians Seek Water Speed Mark. The New York Times, 28 Nov 1965. pg. S11.
  7. ^ Air & Space Magazine,March 01, 2009, Oldies and Oddities: The Bonneville Jet Wars

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]