Vincenzo Onorato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore, vedi Vincenzo Onorato (calciatore).
Vincenzo Onorato

Vincenzo Onorato (Napoli, 15 maggio 1957) è un armatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in economia marittima, è presidente di Moby Lines, compagnia di navigazione attiva principalmente sulle tratte da e per la Sardegna.

Vincenzo Onorato è il presidente di Mascalzone Latino, team velico da lui fondato nel 1993. Già Socio del Reale Yacht Club Canottieri Savoia e ora socio del Circolo Nautico di Roma, ha condotto il team in due sfide di Coppa America (2003-2007). Il suo palmarès velico conta diversi successi tra cui sei vittorie ai Campionati del mondo, tre nella classe Farr40 (2006 - 2007 - 2008), IMS (2000), Mumm30 (2000), Sardinia Cup ISAF Offshore Team World Championship (2006), la Giraglia, la Regata dei tre Golfi e la Copa del Rey.[senza fonte]

Nel 2017, gli è stato assegnato un premio speciale alla carriera nell'ambito della manifestazione Velista dell'anno[1].

Ha pubblicato un romanzo di fantascienza distopica, Floyd Frugo - Una favola no-global (Mondadori Urania Speciale), nel 2003.

Il 7 luglio 2015, Vincenzo Onorato diventa proprietario dell'intera quota societaria sia della Tirrenia - Compagnia Italiana di Navigazione S.p.a. che della Moby S.p.a. nelle quali deteneva rispettivamente il 40% e il 65% prima di acquistare le restanti quote[2].

Nel 2016 viene costituito il gruppo Onorato Armatori spa che include Moby, Tirrenia e Toremar per una flotta complessiva di 63 navi[3]

Cariche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Velista dell'anno: a Onorato premio alla carriera, su lastampa.it. URL consultato il 25 giugno 2018.
  2. ^ Scalata di Onorato a Tirrenia, su webitmag.it, 9 luglio 2015. URL consultato il 25 giugno 2018.
  3. ^ Nasce Onorato Armatori spa, primo gruppo di cabotaggio del Mediterraneo, su webitmag.it, 25 febbraio 2016. URL consultato il 25 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233135187 · ISNI (EN0000 0003 6789 6393 · BNF (FRcb150358644 (data)