Vincenzo Crescini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo Crescini (Padova, 10 agosto 1857Padova, 2 giugno 1932) è stato un filologo italiano.

Vincenzo Crescini

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua famiglia d'origine spicca il nome di Jacopo Crescini, poeta e giornalista, fondatore e direttore di periodici letterari risorgimentali. Un po' dell'enfasi post-risorgimentale rimane anche nello stile aulico di Vincenzo Crescini, nato peraltro in pieno clima risorgimentale.[1].

Nel 1879 si laureò in lettere presso l'Università di Padova, con una tesi su «Orlando nella Chanson de Roland e nei poemi del Boiardo e dell'Ariosto». La tesi fu poi pubblicata nel periodico «Il Propugnatore» (1880), per interessamento di Ugo Angelo Canello, grande maestro e guida del Crescini.[2] L'anno successivo si specializzò in filologia romanza a Milano, presso l'Accademia scientifico-letteraria, sotto la guida di Graziadio Isaia Ascoli e di Pio Rajna.[3]

Nel 1883 ottenne la cattedra di storia comparata delle lingue e delle letterature neolatine, presso l'Università di Padova, succedendo così al suo maestro Canello. Mantenne questa cattedra per mezzo secolo, fino a quando, il 12 giugno 1932, pochi giorni dopo la sua ultima lezione, la morte lo colse d'improvviso.

Si occupò nei suoi studi principalmente di letteratura provenzale, anche se i suoi interessi spaziarono in un arco più ampio, includendo tra l'altro la letteratura medievale e cavalleresca e la storia comparata delle lingue classiche. Le sue indagini sono caratterizzate da una «coscienza profondamente storicistica»[4]

Per meriti accademici divenne prima socio e poi presidente, tra il 1923 e il 1926, dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. Dal 1921 fu socio nazionale dell'Accademia dei Lincei. Che non si trattasse di cariche meramente onorifiche, è comprovato dal fatto che vari studi e contributi del Crescini apparvero negli «Atti dell'Istituto veneto» e nel «Rendiconto dell'Accademia dei Lincei», oltre che in periodici come «Giornale linguistico», «Atti e memorie dell'Accademia di Padova», «Studi di filologia romanza», «Rassegna bibliografica della letteratura italiana», «Nuovi studi medievali.»

Tra le sue edizioni più rilevanti si segnala quella del Cantare di Florio e Biancifiore (Bologna, Romagnoli-Dall'acqua, 1899).

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Contributo agli studi sul Boccaccio con documenti inediti, Torino, Loescher, 1887.
  • Per gli studi romanzi: saggi ed appunti, Padova, Draghi, 1892.
  • Il poema cavalleresco, in Storia dei generi letterari italiani, Milano, Vallardi, 1905.
  • Per le canzoni di Chrétien de Troyes, nel volume Studi di letteratura e linguistica, dedicato a Pio Rajna, Firenze, Tipografia Ariani, 1911.
  • Manuale per l'avviamento agli studi provenzali, Milano, Hoepli, 1926.
  • Romanica fragmenta: scritti scelti dall'autore, pubblicati a cura dell'Università di Padova, del Reale istituto veneto, dei colleghi, amici e discepoli, Torino, G. Chiantore, 1932.

Inoltre, hanno rilevanza nella ricerca filologica i suoi numerosi studi e contributi, sparsi nei periodici menzionati nella precedente sezione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Miscellanea di studi critici in onore di Vincenzo Crescini, Cividale, Tip. Frat. Stagni, 1927.
  • Giovanni Canestrini, Della vita scientifica di Edoardo De Betta, in Atti dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, vol. 91, XCI, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 1932, pp. 83-86..
  • Benvenuto Aronne Terracini, in Guida allo studio della linguistica storica, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1949.
  • Enrico Maria Fusco, Crescini Vincenzo, in Scrittori e idee, Torino, Società editrice internazionale, 1956, p. 163.
  • Antonio Viscardi, Vincenzo Crescini, in Letteratura italiana - I Critici, volume secondo, Milano, Marzorati, 1970, pp. 1347-1370.
  • Gianfranco Folena, Crescini Vincenzo, in Dizionario biografico degli Italiani, volume 30, Treccani, 1984.
  • * G. Gullino, pag 387, in L'Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, dalla rifondazione alla Seconda Guerra Mondiale (1838-1946), Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 1996, ISBN 88-86166-26-5.1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN73985456 · ISNI: (EN0000 0000 6630 2723 · SBN: IT\ICCU\RAVV\052243 · LCCN: (ENn83051810 · GND: (DE116726024 · BNF: (FRcb12992963q (data)
  1. ^ Fonte: Gianfranco Folena, Dizionario biografico degli italiani, Treccani, volume 30, 1984. URL consultato il 23/09/2017.
  2. ^ Gianfranco Folena, Ibidem.
  3. ^ Antonio Viscardi, Vincenzo Crescini, in Letteratura italiana - I Critici, volume secondo, Milano, Marzorati, 1970, p. 1347.
  4. ^ Gianfranco Folena, Op. cit.